Peschereccio Rosinella, tornano i palombari della Marina Militare

Il Rosinella

E’ atteso per mercoledì mattina l’arrivo, direttamente da Lampedusa, di un gruppo specializzato di palombari della Marina Militare che, ad un mese esatto dall’accaduto, si immergeranno a 62 metri di profondità, davanti il litorale di Baia Domizia, dove è affondato il “Rosinella”, il motopeschereccio partito dal porto di Formia con tre membri di equipaggio a bordo.

Giulio Oliviero
Giulio Oliviero

I palombari con appositi scafandri e dotati di una camera iperbarica di sicurezza capiranno definitivamente se i corpi del comandante Giulio Oliviero, di 44 anni, e di Khalifa e Saipeddine, tunisini, padre e figlio di 60 e 25 anni, siano o meno imprigionati all’interno del motopeschereccio.


L’immersione due settimane fa di un robot della Guardia Costiera non aveva dato alcun esito provocando la protesta della moglie del comandante Oliviero, Rosa Imperato, protagonista di due distinte iniziative presso la Prefettura di Napoli e la Regione Campania per chiedere lo stanziamento dei fondi necessari al recupero del Rosinella.