Inquinamento nel golfo, P2G: “I responsabili non siamo noi”

In merito a “Lavano gli allevamenti di pesce” e l’acqua a Vindicio diventa putrida” pubblicato il 10 maggio 2016 e poi oggetto di  interventi anche dell’amministrazione comunale, di esponenti politici e del mondo imprenditoriale e associativo, ci scrive da Roma e aggiunge il proprio contributo al dibattito in atto l’avvocato Marco De Rossi dello studio legale Ghisalberti & De Rossi per conto della P2G (Piscicoltura del Golfo di Gaeta Soc. Coop. Agricola) che nel Golfo, si legge tra l’altro dal sito internet, “opera dall’agosto 2011”, allevando pesce “seguendo i protocolli di produzione certificati in base agli standard delle più importanti catene della Grande Distribuzione Organizzata come CONAD, COOP, PAM/PANORAMA, AUCHAN e SMA”“con le quali sono stabiliti solidi rapporti commerciali e che rappresentano il principale canale di vendita dell’output aziendale”, qui detenendo un “allevamento in forma intensiva di spigole, orate e ombrine e la loro successiva commercializzazione. L’impianto dispone di tutte le strutture necessarie per l’allevamento in mare aperto attraverso l’impiego di gabbie galleggianti, dislocate in uno specchio d’acqua che copre una superficie complessiva di 90.000 mq a circa 1 miglio dalla costa”.

allevamenti pesceScrivo la presente in nome e per conto della Piscicoltura del Golfo di Gaeta soc. coop. agricola (di seguito, «P2G»), con riferimento all’articolo in oggetto (“Lavano gli allevamenti di pesce e l’acqua a Vindicio diventa putrida”), apparso in data 10 maggio 2016 sul sito internet del portale “h24notizie.com”, gestito dalla NWK Editoriale s.r.l..


In questo articolo viene riportato nella sostanza che, a causa di un presunto “lavaggio delle gabbie degli allevamenti dei pesci a largo”, il tratto di mare prospiciente il litorale e la spiaggia sarebbero inquinati da diversi rifiuti e putridume.

La notizia in questione è del tutto priva di fondamento ed il rapporto causale tra l’inquinamento riscontrato e il presunto lavaggio non è stata evidentemente verificata in alcun modo.

Infatti, le gabbie per allevamento dei pesci sono costantemente in immersione e nessun lavaggio viene mai effettuato, perché non ve ne è alcuna necessità e perché sarebbe tecnicamente impossibile. Potete verificare questa affermazione chiedendo opportune informazioni a qualunque organismo competente o direttamente ad allevatori che operano in altre zone d’Italia.

allevamento pesce 3 gaeta meggio 2016Ferma restando la palese non accuratezza della notizia, la mia assistita è attualmente l’unica società che gestisce un allevamento di pesce al largo del Golfo di Gaeta e, quindi, il collegamento della stessa con il Vostro articolo può essere potenzialmente immediato. Inoltre, il contenuto dell’articolo crea comunque un effetto dannoso sull’attività aziendale della stessa P2G che viene indebitamente e infondatamente identificata come causa principale di un deturpamento ambientale.

Ciò posto, vi invito formalmente a rettificare immediatamente – e comunque entro 12 ore dalla ricezione della presente – l’articolo “Lavano gli allevamenti di pesce e l’acqua a Vindicio diventa putrida” pubblicato sul portale web “h24notizie.com” in data 10 maggio 2016, eliminando ogni riferimento al presunto ed infondato rapporto causale con l’attività di allevamento di pesce e con il presunto e non verificato lavaggio delle gabbie.

In mancanza, sarà immediatamente depositato esposto-querela presso la Procura della Repubblica di Latina. Con ogni riserva di introdurre procedimenti civili di urgenza”.