Anche Monte San Biagio nella Marcia dei Silenziosi contro la direttiva Bolkestein

Tutto ciò premesso il Consiglio Comunale di Monte S. Biagio ha approvato che:

“URGE


Una iniziativa congiunta delle Regioni e dello Stato – in sede di Conferenza Unificata – che porti a  SOSPENDERE la INTESA della Conferenza Unificata, del 5 luglio 2012, e che quindi faccia immediatamente “rivivere” il comma 5 dell’art. 70 del D. Lgs n. 59 per poter consentire:

  • al Governo la possibilità di escludere in via definitiva la applicazione della normativa al commercio ambulante;

in subordine:

  • di riformulare una nuova intesa che differisca i tempi per l’entrata in vigore della NUOVA INTESA STATO REGIONI;
  • che nella stessa siano fissati, oltre ai criteri che salvaguardino i diritti di anzianità di impresa e di frequenza sul posteggio, stabilisca un periodo di Deroga più congruo (almeno 30 anni) per i titolari di posteggio e concessionari;
  • stabilisca criteri che salvaguardino gli operatori nella fase successiva al periodo di deroga;

ADERISCE

Alla manifestazione indetta per il giorno GIOVEDI 9  GIUGNO  p.v., definita LA MARCIA DEI SILENZIOSI contro la Direttiva Bolkestein in difesa degli Ambulanti e dei Mercati, atta a sollecitare le Istituzioni tutte a recepire le istanze degli operatori ambulanti ad essere esclusi dalla Direttiva Bolkestein, ovvero ad avere garanzie per una deroga dalla durata di almeno anni 30 e criteri che salvaguardino gli attuali concessionari e titolari di posteggio circa le assegnazioni nel periodo successivo alla deroga.

AUTORIZZA

il Sindaco a partecipare con il Gonfalone del Comune di Monte S. Biagio alla predetta manifestazione e dispone che il presente ODG sia inviato al Governo, al Senato della Repubblica, alla Camera dei Deputati, al Prefetto di Latina, alla Regione Lazio, alla Conferenza Stato-Regioni, all’ANCI, agli organizzatori della manifestazione di cui sopra ed agli Organi di Informazione”.