Differenziata a Gaeta, Accetta: “Organico ogni tre giorni assurdo, tornare a vecchio calendario”

Differenziata a Gaeta, Accetta: “Organico ogni tre giorni assurdo, tornare a vecchio calendario”

Dopo la nota della consigliera comunale di minoranza e presidente della Commissione Controllo e Garanzia di Gaeta Marina Costabile, arriva un altro duro attacco alla gestione della raccolta differenziata dell’amministrazione comunale di Gaeta del sindaco Mitrano, e arriva, quasi in ritardo sulle aspettative, quella del consigliere Edoardo Accetta. Ecco il suo intervento:

“Dal 1° maggio il nuovo calendario per la raccolta differenziata prevede una diversa programmazione, realizzata, secondo quanto si apprende dal sito del comune di Gaeta, per l’ottimizzazione del servizio porta a porta.

Tra le modifiche che maggiormente incideranno sui cittadini vi è sicuramente quella della raccolta degli scarti alimentari ed organici, che da quattro giorni passa a tre (martedì,giovedì e sabato anziché lunedì, mercoledì, giovedì e sabato).

Se da un lato si ritiene che tale frazione, debba essere raccolta a giorni alterni, dall’altro i cittadini, con le esosissime tasse sui rifiuti che questa amministrazione chiede loro, sono costretti tra sabato e martedì, soprattutto in prossimità della stagione estiva quando la decomposizione delle sostanze organiche produce maggiori quantità di gas maleodoranti, a tenere a casa i rifiuti organici per ben tre giorni, e cioè per i giorni di sabato, domenica e lunedì, ovvero proprio i giorni quando, normalmente, è maggiore la produzione di scarti alimentari.

Ritengo che il calendario, così come riformulato, non sia assolutamente adeguato alle necessità dei cittadini, in quanto non è assolutamente sostenibile per le famiglie, soprattutto quelle più numerose, conservare a casa per ben tre giorni, quelli a maggior carico organico, rifiuti altamente putrescibili, senza considerare che ciò diventa ancor più grave se pensiamo che è alle porte la stagione estiva. Chiedo pertanto il reintegro, almeno per gli scarti organici, della vecchia calendarizzazione in vigore fino al 30 aprile, o quanto meno di voler riconsiderare la raccolta su quattro giorni anziché su tre, che peraltro credo sia anche difforme da quanto previsto le capitolato contrattuale, ma per questo chiedo al nuovo Assessore all’Ambiente di volersene accertare personalmente”.

Altra questione sollevata da tempo dal sottoscritto, è la manutenzione del verde pubblico delle aree demaniali. Da diverse settimane si deve registrare il mancato taglio dell’erba delle aiuole e la disattivazione degli impianti di irrigazione sulle aiuole, che sta comportando gravi danni al tappetino erboso recentemente impiantato. Tale attività, la cui competenza, attraverso con un accordo tra Autorità Portuale e Comune dell’ottobre scorso, è passata all’amministrazione comunale, viene svolta da personale della Eco Car, che la effettua saltuariamente e gratuitamente come mi è stato riferito dagli uffici responsabili, senza un programma preciso, tant’è che vi sono ancora numerose zone dove l’erba ha raggiunto condizioni indecenti.

Il Comune ha sottoscritto il 20 ottobre 2015 un accordo con l’Autorità Portuale, con il quale quest’ultima trasferisce la competenza della manutenzione del verde pubblico e delle scogliere delle aree demaniali, dal Campo di San Carlo a Punta Stendardo, al Comune stesso, a fronte di un contributo di 196.000 euro che l’amministrazione deve utilizzare per garantire la pulizia del litorale. Non si capisce per quale motivo, a distanza già di diversi mesi, non si è ancora proceduto ad affidare tale servizio e si è costretti a ricorrere alle cure, saltuarie, della ECO CAR.  Tutto ciò è inaccettabile tenuto conto delle tasse che pagano i cittadini.”

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]