Scherzerino La Rocca alla guida dell’Ascom di Itri

Scherzerino La Rocca alla guida dell’Ascom di Itri

Nella Sala Consiliare, messa a disposizione dal Comune di Itri, una Assemblea numerosa e partecipe ha eletto alla presidenza Scherzerino La Rocca, noto imprenditore della lavorazione delle carni di grande tradizione familiare, titolare della Macelleria Scherzerino, capace in questi anni di innovare e valorizzare l’impresa familiare, creando un brand che ha reso nota Itri nella Regione in Italia e anche all’estero.

Giovanni Acampora

Giovanni Acampora

“L’atmosfera che anche oggi si respira – ha detto in apertura di assemblea il presidente di Confcommercio provinciale Giovanni Acampora – è quella di una unità e una coesione che smentisce chi predilige i metodi del passato pensando di poter fermare una inarrestabile e contagiosa voglia di cambiamento, che va avanti, nonostante la criticità e la disaffezione lasciata da anni di lontananza dalla nostra base associativa. Oggi si sente la voglia in tutti di voi di cambiare pagina e lavorare uniti e partecipi per la tutela delle nostre imprese associate. I numeri ci dicono che la nostra associazione è in forte crescita smentendo categoricamente chi pensava il contrario dopo l’insediamento della nuova governance. La nostra struttura nazionale ci guarda e ci indica ad esempio anche per le altre associazioni sul territorio nazionale e a brevissimo per la nostra Confcommercio provinciale ci saranno altre e importantissime novità e saremo un modello da imitare. Nuovi servizi per le imprese e una nuova tutela sindacale diversa e innovativa rispetto al passato e il gradimento degli associati ci spingono ad andare avanti con forza e determinazione. Non ci fermeranno le menzogne di chi pensa di trovare un suo spazio tra i nostri operatori ,millantando una forza di pressione che non ha. Non faremo strumentalizzare le nostre azioni né dalla politica né da nessun altro. La presenza oggi di tanti Presidenti delle nostre Associazioni territoriali a supportare il rinnovo dell’Ascom di Itri e dei nuovi dirigenti è la chiara dimostrazione di un rinnovato modo di fare attività sindacale, basato sulla visione di insieme e sulla condivisione ; collaboreremo con le Istituzioni Locali ma nel quadro di una decisa politica sindacale per valorizzare ,oltre che tutelare, le nostre imprese. Grazie Itri, insieme ce la faremo”.

Foto di gruppo

Foto di gruppo

Il presidente Scherzerino La Rocca nella sua relazione, condividendo appieno la nuova metodologia di lavoro della nuova Confcommercio ha precisato ulteriormente che “senza questa innovazione fortemente auspicata ed illustrata dal presidente Acampora né lui né gli altri dirigenti si sarebbero messi in gioco in quanto già delusi ampiamente da anni di mancate risposte e di inesistente tutela; oggi possiamo contare su un nuovo modo di fare politica sindacale per tutti e non per pochi, per le imprese e non per interessi, con autonomia e in collaborazione”. E ha continuato il neo Presidente dell’Ascom Territoriale di Itri: “Su questa nuova linea, ci daremo obiettivi specifici e concreti per rilanciare Itri come variegata realtà commerciale, di servizio – anche ai centri limitrofi – ma soprattutto, ridefinendo e valorizzando il suo grande potenziale per un turismo di nicchia e destagionalizzato”.

CONFCOMMERCIO ITRI APRILE 2016Segnale di questo approccio è il variegato consiglio direttivo che supporterà il presidente La Rocca composto da Daniele Iadicicco ricettività e comunicazione turistica – tradizionale e diffusa -; Vincenzo Masella per il settore della profumeria e dell’estetica; Immacolata Diaretti fiorista per il settore commercio al dettaglio; Marco Mancini pescheria per il settore alimentare, insieme a Giuseppe Stamegna alimentarista; Bruno Frisini, Patrick Sinapi e Alessio Saba per il settore dei pubblici esercizi; Letizia Ruggieri per il commercio articoli da regalo e bomboniere; Francesco Fargiorgio per il settore immobiliare.

Una interessante rappresentanza femminile e di giovani imprenditori ma, soprattutto, la valorizzazione di tutto il territorio comunale.

“Da subito – ha dichiarato il neo presidente – dovremo affrontare i problemi di un ridisegno commerciale di Itri, la valorizzazione della filiera agricolo – commerciale, rilanciare la nostra ristorazione e mettere in moto un sistema turistico integrato anche insieme alle città limitrofe che sia motivo di attrazione di flussi turistici anche destagionalizzati . Dovremmo essere dialoganti ed incisivi con la futura Amministrazione Comunale per intervenire su infrastrutture, decoro urbano, piano della sosta, gestione dei rifiuti, valorizzazione dei beni culturali e delle tradizioni. Saremo propositivi ma decisi”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]