Mozione di sfiducia a Lucci, non ancora convocata conferenza capigruppo

Mozione di sfiducia a Lucci, non ancora convocata conferenza capigruppo

“In data 7 aprile, da parte di ben quattro capigruppo consiliari (Viva Sabaudia Viva, Fratelli d’Italia, Cittadini al Lavoro e Popolo della Libertà) era stata presentata al Presidente del Consiglio Comunale una richiesta urgente di convocazione di conferenza per calendarizzare il consiglio comunale con all’ordine del giorno la mozione di sfiducia al sindaco Lucci”.

Così in una nota  Marcellino Pastore – Popolo della Libertà -, Giada Gervasi – Cittadini al Lavoro -, Amedeo Bianchi – Viva Sabaudia Viva -, Renato Bianchi – Fratelli di Italia -.

“Per l’importanza dell’argomento si riteneva necessario pianificare per tempo l’adunanza per dar modo a tutti i consiglieri di assicurare la partecipazione al di là di ogni possibile impegno. L’argomento era stato anche esposto verbalmente, ma evidentemente l’insolenza che ha caratterizzato fin qui il modo di fare del sindaco Lucci ha prevalso ancora una volta sul Presidente Avvisati che comunque avrebbe il compito primario di tutelare i diritti e le prerogative dei Consiglieri, garantendo l’esercizio effettivo delle loro funzioni e curando l’osservanza e la corretta interpretazione del Regolamento.

Ecco quindi che a tutto oggi non esiste ancora alcuna comunicazione ufficiale in merito alla richiesta (ai sensi di regolamento) conferenza dei capigruppo e ci vediamo costretti a reiterare la richiesta. Pur presumendo che il sindaco vorrà rimanere attaccato alla poltrona fino all’ultimo giorno, sappiamo bene che al contrario di quello che dichiara proverà in ogni modo di raggiungere uno di quei compromessi che gli consentirebbero di fluttuare per un altro po’ di tempo.

Un compromesso di quelli che lui tanto rigetta dichiarandosi non incline a simili modi di agire ma che invece ricerca continuamente in ogni modo….altro che “appelli alle forze politiche che hanno a cuore l’interesse della città”……. accordi coperti, promesse o, come li etichetta lui, “tagliandi”.

Azioni effettuate personalmente, tramite le figure più dissimili o con forme del tutto inaspettate attraverso le quali si vorrebbe esclusivamente mantenere ben salda la propria posizione…..

…….alla faccia delle “trame oscure” lamentate dai suoi portavoce”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]