Bilancio comunale Aprilia, Terra replica a Pd: “Priorità a disagio sociale, senza soldi dallo Stato no a investimenti”

In merito alle dichiarazioni del Segretario locale del PD sul bilancio – dichiara in una nota il sindaco di Aprilia Antonio Terra -, che nei prossimi giorni il Consiglio Comunale sarà chiamato a discutere ed approvare, sono necessarie alcune precisazioni.

Se la nostra amministrazione civica ha di fatto scongiurato il reale rischio di un dissesto finanziario e restituito alla gestione pubblica le entrate tributarie, non si può dimenticare chi e in che modo fino a sette anni fa gestiva la cosa pubblica.


Per quanto ci riguarda, anche nel 2016 la nostra coalizione Civica ha disegnato un bilancio che guarda al sociale, alla scuola e, in particolare, alle fasce sociali più indebolite dalla crisi. In Giunta abbiamo approvato, tra l’altro in anticipo rispetto alla maggioranza delle Amministrazioni locali, un bilancio che darà delle risposte concrete alle esigenze sociali quotidiane, senza dimenticare che stiamo finanziando con soli fondi comunali piccole e medie opere pubbliche. Di sicuro, d’altro canto, il nostro bilancio concentra le sue principali attenzioni sulla situazione sociale ancora estremamente preoccupante, con un alto tasso di disoccupazione, di sfratti e un numero sempre crescente di minori o anziani in affidamento. E su questo siamo stati lasciati soli, scontiamo il taglio drastico delle rimesse dello Stato e della Regione Lazio, e se non arriverà la vera inversione di tendenza sarà difficile per tutti i Comuni italiani e non solo per Aprilia garantire i pur minimi standard assistenziali.

Non so in una situazione di crisi così accentuata, con tagli verticali imposti (o con l’Imu per i fabbricati industriali i cui introiti, ad esempio, vengono trattenuti per due terzi dallo Stato), quali possano essere le Amministrazioni in grado di pensare a grandi investimenti da finanziare interamente con i soli fondi comunali, tenuto anche conto dei vincoli legati all’equilibrio di bilancio che noi, comunque, stiamo rispettando.

Se poi il PD crede di rappresentare un’alternativa migliore di governo delle amministrazioni locali, ci sia consentito di dubitarne, visto che nella nostra provincia e non solo, attualmente, è stato stabilito un record negativo di Comuni commissariati che andranno ad elezioni anticipate. Su questi, guarda caso, hanno governato Sindaci dei partiti nazionali.

Quanto poi al Segretario cittadino del Pd, mi piacerebbe sapere, in relazione all’attuale gettito tributario e a quali sono le entrate, quale tributo la pubblica Amministrazione può utilizzare per finanziare le grandi opere e i grandi investimenti.