Minturno, le associazioni scelgono gli immobili comunali

Il Comune di Minturno

E’ cominciato, con l’applicazione del Regolamento, il nuovo percorso dell’associazionismo minturnese che mette le associazioni, con la loro rappresentazione nella Consulta, nelle condizioni di essere pariteticamente protagoniste sulle decisioni che caratterizzeranno il loro futuro.

L’incontro di ieri sul tavolo aveva due argomenti importanti quali l’elezione dei organi della Consulta e la scelta degli immobili da parte di ciascuna associazione tra quelli che il Comune ha reso disponibili, applicando il nuovo criterio della relativa condivisione per assicurare ad ogni organizzazione la possibilità di usufruire di uno spazio minimo vitale per la realizzazione delle proprie attività. L’elezione degli organi della Consulta e cioè il Direttivo e il suo Presidente, ha avuto una premessa e cioè che esse non costituiscono figure con titolo decisionale (in quanto le scelte sono di competenza della Assemblea, dove trovano rappresentanza tutte le associazioni) ma sono essenzialmente il motore dell’attività della consulta.


L’Assemblea, pur tuttavia, considerando la mancanza di un elenco ufficiale dei referenti delle associazioni che hanno fatto richiesta di partecipare alla Consulta, per un principio di democraticità ha deciso all’unanimità di non votare al momento gli altri organi funzionali ma di affidare la prosecuzioni delle attività ad un “Comitato tecnico” costituito dai redattori del Regolamento presenti in Consulta ai quali affiancare – per far sì che si possano portare a termine gli innumerevoli impegni a breve scadenza – altri referenti che saranno comunicati dalle varie associazioni interessate.

Il comitato tecnico già dalla prossima settimana dovrà affrontare la spinosa questione di conciliare le richieste di assegnazione degli immobili affinché ogni associazione possa avere, nei limiti della disponibilità, un minimo spazio per svolgere le proprie attività. Intanto lunedì alle ore 15, il Commissario Straordinario incontrerà presso la sala Consiliare, la consulta delle associazioni.