Cave di Priverno: ossigeno dal Tar di Latina

Dal Tar di Latina ossigeno alle cave di Priverno. I giudici amministrativi, accogliendo la richiesta di Cave Staffaro, hanno sospeso il provvedimento con cui, il 29 gennaio scorso, il Comune aveva respinto la richiesta dell’azienda di proroga dell’attività estrattiva e bloccato l’attività. Per il Tar l’atto era stato motivato solo sulla scorta dell’inosservanza dei tempi per la presentazione di tale istanza, che non sarebbe però di carattere perentorio. Tutto bloccato così fino all’udienza del prossimo 3 novembre, quando la vicenda verrà analizzata nel merito.

Ma c’è di più: accogliendo anche le richieste di Sibelco Italia spa e Masella Cave srl, che hanno impugnato il piano relativo ai contributi dovuti al Comune dai cavatori, il Tar ha sospeso tale provvedimento, evidenziando che il piano in questione non è stato approvato dalla Regione. E per i tre contenziosi il Comune di Priverno è stato anche condannato a pagare un totale di tremila euro di spese.