Pallamano, l’HC Fondi ospita il Benevento nella prima gara dei play-out

hc fondi
HC Fondi

Dopo la Final Eight di Coppa Italia vinta dalla Junior Fasano, inizia la seconda fase del campionato di Serie A – 1a Divisione Nazionale, che vede l’HC Banca Popolare di Fondi impegnata nella Poule- Playout del girone C insieme a Lupo Rocco Gaeta, Benevento, Haenna e Lazio.
Nel primo impegno di questo mini girone gli uomini cari al presidente Vincenzo De Santis ospiteranno la Pallamano Benevento. Nella Regular Season il team sannita si è classificato al 7° posto con 12 punti, ben 14 in meno rispetto ai fondani. Nonostante il largo divario in classifica tra le due squadre, non sarà un impegno facile per i rossoblù: il tecnico campano Ciullo può infatti contare su un gruppo esperto e coeso trascinato con grinta dai fratelli Andrea e Giuliano Sangiuolo, rimpianti ex di turno. Giocatori importanti per l’equilibrio della squadra campana sono i due terzini, Buonocore e Petrychko, ai quali si unisce la gran voglia di emergere di alcuni giovanissimi, cha fanno dei giallorossi sanniti una squadra ostica. A questo bisogna aggiungere che i campani rappresentano tradizionalmente un duro ostacolo per i fondani, che hanno dovuto sempre sudare le proverbiali sette camicie anche quando sono riusciti ad aggiudicarsi l’intera posta in palio.
In casa HC Banca Popolare di Fondi, smaltita la delusione per il mancato ingresso nei Play-Off, è subentrato il desiderio di vivere al meglio la seconda fase della stagione, cercando di dare un senso a un’annata agonistica finora amara. Troppi i fattori avversi che hanno influito sul rendimento della squadra fondana, come gli infortuni e le difficoltà incontrate da molti atleti della rosa. Ma non è questo il momento di leccarsi le ferite, secondo i dirigenti fondani, che hanno invitato la squadra a dare il meglio in questa prima esperienza nella poule-playout.
Una buona notizia è giunta nel frattempo dalla Federazione, con la nomina di Giacinto De Santis, responsabile dei tecnici e allenatore della prima squadra rossoblù, a tecnico federale dell’Area Centro, quella che fa riferimento, oltre al Lazio, alla Toscana, all’Umbria e alla Sardegna. L’intera società ha apprezzato questa decisione federale, vivendola come un riconoscimento importante alla preparazione e alla professionalità del tecnico, che può vantare ben 152 panchine come head-coach della prima squadra, ma anche al lavoro svolto dall’intero sodalizio.
È lo stesso mister a presentare così la partita contro la Pallamano Benevento: “Da inizio anno stiamo giocando poco, non siamo mai riusciti a trovare il ritmo-partita e ne stiamo pagando le conseguenze. Noi siamo una squadra che per giocare bene ha bisogno di allenarsi e giocare con continuità; purtroppo sono mancati entrambi i fattori ed ora siamo, anche se non del tutto meritatamente, nei play-out. Ora dobbiamo voltare pagina, per dimostrare che questa poule ci sta stretta e per capire chi merita di vestire e giocare per questa maglia, che va onorata sempre nel bene e nel male; i ragazzi devono uscire dal campo sempre a testa alta tra gli applausi del pubblico, avendo dato tutto e di più, mentre quest’anno non sempre è successo. Ecco, questo mi aspetto: che ci sia grande voglia di rivalsa in tutti e voglia di mettersi in mostra soprattutto per chi ha giocato di meno”.