Spaccio a Trieste: la testa della banda era di Fondi

*Pallozzi*
*Pallozzi*

Aggiornamento ore 15.40 – Sette arresti e 22 indagati, sgominando una banda di spacciatori attiva a Trieste e capeggiata da un pontino in trasferta. Un 35enne pregiudicato di Fondi, Tonino Pallozzi (coinvolto in diversi fatti di cronaca in provincia da cui uscì assolto tra cui i colpi di pistola a Lenola verso l’abitazione di un ispettore di Polizia in servizio a Fondi ma anche da una rapina armata a un commerciante del Mof), che insieme a un complice napoletano, di 27 anni, Mario Montone, secondo le indagini riforniva di hashish, marijuana, cocaina ed eroina provenienti da Lazio e Campania il capoluogo giuliano.


L’operazione, denominata “La Veloce”, è stata portata a termine lunedì mattina, condotta dagli agenti della squadra mobile triestina: il 35enne della Piana è stato ristretto nella casa circondariale di Udine.

“E’ stata un’attività molto complessa durata quasi un anno con il coordinamento della Procura di Trieste, che ha consentito di disarticolare un gruppo di soggetti che avevano organizzato una vasta rete di importazione di sostanze stupefacenti e di sequestrare anche importanti quantitativi, circa 30 chili di hashish, mezzo chilo di cocaina e circa due etti di eroina, oltre a danaro contante per circa 10 mila euro”, ha detto in conferenza stampa il dirigente della squadra mobile di Trieste Marco Cali.

In manette anche Sergio Giraldi (del 46, che era agli errasti domiciliari domiciliari, ma è stato trovato in possesso di 8 mila euro in contatti e 80 grammi tra cocaina ed eroina), Roberto Zucca (del ’63), Massimiliano Braj (del ’71) e Capriati Sergio (del ’65), tutti triestini e pluripregiudicati. Tra gli arrestati anche Acimovic Svetlana, detta “la vecia” o “cappuccetto rosso”, che per 500 euro al mese stoccava la droga nel suo appartamento). Nel giro, secondo le indagini, rientrava anche anche Diego Presbiteri De Lassis, un uomo di Trieste trovato morto in Veneto qualche giorno dopo una rapina commessa alla filiale Unipol di piazza Oberdan.