Tratta ferroviaria tra la Sicilia e Gaeta

Immagine pubblicata dal sito dell'associazione di Giovanni russo dal quale riportiamo le indiscrezioni

Una nuova tratta ferroviaria tra la Sicilia e Gaeta. Una indiscrezione per ora, che riportiamo dalle pagine di FerrovieSiciliane, un’associazione che si occupa della tutela del patrimonio storico e tecnico del trasporto pubblico siciliano.

Secondo il suo presidente Giovanni Russo “Le Ferrovie dello Stato Italiane, tramite la società Bluferries, che nello Stretto di Messina con mezzi veloci e navi bidirezionali si occupa del trasporto di passeggeri e automezzi, vuole ampliare i propri spazi commerciali nel segmento delle autostrade del mare”. Per il presidente Russo si tratterebbe di una indiscrezione che per ora non trova ancora conferme ufficiali. Tuttavia sarebbe già in essere uno “studio per un nuovo collegamento tra Milazzo e Gaeta rivolto a passeggeri e automezzi. La nuova rotta, che dovrebbe essere con cadenza giornaliera, in una prima fase potrebbe essere effettuata con la nave traghetto Logudoro: l’unità proveniente dall’ex rotta sarda è già attrezzata di cabine, saloni con poltroncine reclinabili, spazi di ristoro, e può trasportare fino a 689 passeggeri e numerosi automezzi”.


Insomma si tratterebbe di un ritorno alle origini visto che non sarebbe una novità assoluta nella storia del trasporto ferroviario italiano come ricorda lo stesso Russo: “Questa rotta non sarebbe una novità per le Ferrovie dello Stato che già nei primi del ‘900 espletavano giornalmente collegamenti tra la Sicilia e Napoli, offrendo servizi di 1ª, 2ª e 3ª classe, oltre che appartamenti e cabine di lusso, impiegando i piroscafi Città di Messina, Città di Palermo, Città di Catania e Città di Siracusa”.