Minturno, volontari e liceali abbelliscono le aiuole

L’associazione “l’isola che non c’è” di Vanda Anselmi e Francesco Cremona con il dirigente scolastico Amato Polidoro, mosso da grande sensibilità ed amore per il territorio e per la scuola, il liceo scientifico Alberti di Minturno, hanno reso meno brulle le aiuole spartitraffico prospicienti l’ingresso del Liceo mettendo a dimora 20 piantine di “lauro ceraso”.

Un’ulteriore impegno nato dalla sinergia scuola-volontariato che ha visto protagonisti anche Antonio Valerio a cui si devono le piantine ed il solerte Gennaro Fedele, anch’egli protagonista.


“Ecco un altro esempio – ha dichiarato Vanda Anselmi – dei positivi ritorni che si possono avere dalla collaborazione tra istituti scolastici, enti locali ed associazioni di volontariato.

Una corretta elaborazione di un protocollo di intesa è anche la nostra proposta ad un’eventuale nuova amministrazione: armonizzare e potenziare gli interventi volti ad assicurare l’utilizzo più ampio e articolato degli edifici scolastici in orario extrascolastico sia ai fini dell’ampliamento, integrazione e potenziamento della offerta formativa, sia a fini di promozione sociale e culturale della cittadinanza, obiettivo che le norme assegnano congiuntamente all’amministrazione municipale ed a quella scolastica con la sussidiareità del mondo del volontariato nell’ambito dei reciproci ambiti di competenza e nel rispetto delle proprie autonomie”.