Fondi, in piazza per ricordare i martiri delle Foibe

Fondi, in piazza per ricordare i martiri delle Foibe

Il 10 febbraio 1947 venne firmato a Parigi il Trattato di Pace che privò l’Italia delle provincie di Fiume, Pola e Zara. Fu l’esodo degli Italiani che erano sopravvissuti ai massacri iniziati già nel 1943. 350mila Italiani, abitanti dell’Istria e della Dalmazia, dovettero scappare ed abbandonare la loro terra, le case, il lavoro, gli amici e gli affetti, incalzati dalle bande armate jugoslave. Decine di migliaia furono uccisi nelle Foibe, le voragini naturali, profonde fino a duecento metri, presenti nell’altopiano del Carso, o nei campi di concentramento titini. La loro colpa era di essere Italiani e di non voler cadere sotto un Regime Comunista.

Foibe Fondi1Come ogni anno, anche questa mattina, a Fondi, in piazza Martiri delle Foibe, si sono ritrovati cittadini ed associazioni, alla presenza di alcune scolaresche e dell’assessore alla Cultura, Beniamino Maschietto, a testimonianza della vicinanza delle istituzioni al “Giorno del Ricordo”, in una città tra le prime in Italia, il 1° novembre 2003, ad intitolare un proprio spazio urbano ai nostri connazionali vittime di questa tragedia.

Per non dimenticare è fondamentale che i più giovani studino la Storia, con le sue luci e le sue ombre, con le contraddizioni e le vergogne, perché è proprio agli studenti di oggi che è dato il compito di non dimenticare mai e di riattaccare le pagine strappate dal “grande Libro della Storia nazionale”. Con questo spirito è stato consegnato agli insegnati un Dossier per approfondire l’argomento una volta tornati in classe. La commemorazione si è chiusa con la deposizione di un mazzo di fiori ai piedi della targa all’ingresso della piazza, e la lettura di una preghiera in ricordo dei caduti e di tutti gli esuli. Un commosso ricordo a chi allora lasciò tutto, spesso anche la vita, per continuare ad essere Italiano

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]