L’Assedio di Gaeta 155 anni dopo: cerimonia commemorativa

L’Assedio di Gaeta 155 anni dopo: cerimonia commemorativa

Venerdì 5 febbraio, alle ore 11, presso Porta Carlo V, si terrà la cerimonia commemorativa dei Caduti dell’Esercito delle Due Sicilie durante l’assedio di Gaeta. Si ricordano, in particolare le vittime dello dell’esplosione della “Cortina a denti di sega Sant’Antonio”, sotto i bombardamenti delle truppe piemontesi, guidate dal Comandante Enrico Cialdini.

La cerimonia è organizzata dall’Associazione Nazionale ex Allievi della Scuola Militare Nunziatella di Napoli. Dal 1961 ininterrottamente questa Associazione, che ha tra le sue finalità quella di coltivare le proprie tradizioni nel rispetto della sua storia, predispone un programma di iniziative per ricordare  i Caduti di quella tragica giornata, la più difficile dell’assedio, che fece registrare il maggior numero di vittime per eventi bellici nell’intera storia della città di Gaeta.

Così scrivono gli storici “Durante quel pomeriggio, intorno alle 16.30, mentre si consumava una “normale” giornata di assedio, i tiri dei cannoni rigati piemontesi colpirono in pieno la batteria Sant’Antonio dove si trovava un deposito di polvere da sparo. L’esplosione è terribile. Morirono 216 soldati e un centinaio di abitanti di Gaeta. Sessantaquattro furono i feriti e tra i morti  il Generale Traversa, direttore generale del Genio militare”.

Venerdì 5 febbraio alle ore 11, sarà deposta una corona di fiori nel luogo dove si verificò il triste evento, oggi denominato Largo Caserta. Prevista la partecipazione delle Autorità locali civili e militari.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]