Disabile rapinata in casa a Fondi: prima dell’allarme, immobilizzata per ore

Disabile rapinata in casa a Fondi: prima dell’allarme, immobilizzata per ore

È rimasta per ore legata sulla propria sedia a rotelle, prima di riuscire a liberarsi e a dare l’allarme. La 66enne disabile rapinata in casa giovedì a Fondi, al civico 11 della centralissima via degli Ausoni, zona Portella, ha aperto la porta al suo aggressore intorno alle 15. Trovandosi di fronte un uomo col volto travisato e le mani coperte da guanti che l’ha colpita in viso – la vittima ha diversi ematomi, ma non è riuscita a spiegare granché -, immobilizzata con del nastro adesivo e dunque impedito di gridare tappandole la bocca con uno straccio. Strada libera per la razzia, ancora tutta da quantificare. La donna, che vive da sola, è riuscita a liberarsi solo quando erano circa le 19, allertando telefonicamente la sorella.

Da lì, la venuta sul posto dei carabinieri della Tenenza locale e di un’ambulanza Ares, che l’ha prima trasportata al pronto soccorso del “San Giovanni di Dio”, poi presso l’ospedale di Terracina, dove la paziente, in forte stato confusionale, è stata ricoverata in osservazione. Un mistero, al momento, chi abbia agito, con i militari del comandante Ivan Mastromanno formalmente al lavoro in diverse direzioni.

Pochi, sembra, gli elementi concreti in mano agli investigatori: il forte choc della vittima ha per ora restituito una ricostruzione dei fatti lacunosa; e oltretutto il malvivente autore del colpo in casa, oltre a rendersi irriconoscibile, dalla sua entrata al successivo raid con fuga non avrebbe proferito alcuna parola, rendendo all’apparenza il lavoro dell’Arma ancora più in salita.

 

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social