Genitori rinviati a giudizio per stalking alla figlia

Genitori rinviati a giudizio per stalking alla figlia

I loro tentativi di far tornare la figlia a casa sono stati considerati stalking e con tale accusa una coppia di genitori di Latina è stata rinviata a giudizio.

Un caso iniziato con la denuncia della ragazza, 23enne all’epoca dei fatti, e che potrebbe concludersi con un risarcimento a quest’ultima da parte di mamma e papà, visto che la giovane si è anche costituita parte civile.

La vicenda risale al 2013, quando una 23enne lasciò la casa dei genitori per andare a vivere da sola. Stando alla denuncia della ragazza e alle indagini svolte dagli inquirenti, L.D.P. e P.Z. non avrebbero preso affatto bene la decisione della figlia e avrebbero iniziato a minacciarla anche di morte.

Alla giovane i genitori avrebbero inviato messaggi intimidatori su Facebook, l’avrebbero seguita e alla fine costretta anche a trasferirsi dall’abitazione dove era andata a vivere.

I due sono stati ora rinviati a giudizio dal giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Latina, Mara Mattioli, con l’accusa appunto di stalking e la figlia si è costituita parte civile. Il processo è fissato per il prossimo 12 ottobre.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]