Salvò tredici persone durante l’alluvione, medaglia d’argento ad Antonio Treglia

*Antonio Treglia*

Un 2015 che si è chiuso con un nuovo, ambito riconoscimento, per lo sperlongano Antonio Treglia, il sottocapo della Guardia costiera che nel settembre del 2014 si rese protagonista durante l’alluvione del Gargano, salvando la vita di tredici persone.

capitaneria di porto manfredoniaTre rimaste intrappolate sul tetto di una roulotte finita in mare, le altre bloccate in un orto invaso da detriti, acqua e fanghiglia. Un gesto eroico che lo scorso 4 dicembre, giorno della festa di Santa Barbara, protettrice dei marinai, è valsa al giovane pontino la medaglia d’argento al merito di Marina, consegnatagli nel corso di una cerimonia ufficiale tenutasi presso la Capitaneria di porto di Manfredonia.


“Graduato in servizio presso la Delegazione di spiaggia di Peschici – si legge nella motivazione dell’onorificenza – in seguito agli eventi alluvionali che avevano provocato l’inondazione della zona della Marina, incurante del rischio, sfidava la corrente del flusso di acqua e fango, per trarre in salvo tredici persone altrimenti destinate ad annegare, dimostrando eccezionale abnegazione, generoso altruismo, mirabile coraggio e sereno sprezzo del pericolo. Chiaro esempio di professionalità, con il suo operato contribuiva ad accrescere il prestigio dell’istituzione e della Marineria Italiana”.