Caos Ecocar, in 17 senza lavoro. Il Sindaco: “Scelte aziendali maleducate”

Caos Ecocar, in 17 senza lavoro. Il Sindaco: “Scelte aziendali maleducate”

“Troveremo una soluzione al più presto”. Una giornata di incontri, anche animati, fra alcuni dei lavoratori stagionali della ditta Ecocar che gestisce il ciclo dei rifiuti a Gaeta, il sindaco Cosmo Mitrano e uno dei responsabili operativi dell’azienda Francesco Biccari. Nulla di programmato, azienda e sindaco hanno dovuto affrontare d’urgenza la situazione, perchè i lavoratori la protesta l’hanno fatta nascere spontaneamente attendendo il primo cittadino sotto il Comune, al suo arrivo nel primo pomeriggio di ieri, martedì. E lui si è fermato a parlare con loro. Sono gli stagionali, quelli che rimangono dei 22 operai, che vengono assunti per 3 – 4 mesi l’anno, specie durante l’estate, per integrare l’organico a tempo indeterminato della ditta che a Gaeta si occupa della raccolta rifiuti.

Sono 17, perchè 5 di loro, sono stati riassunti per lavorare anche autunno e inverno e arrivare a fine aprile. Mentre i restanti resteranno senza lavoro. E allora chiedevano spiegazioni in merito ai criteri di scelta dei 5, visto che riferiscono sono sempre gli stessi a lavorare e alcuni hanno anche doppio lavoro, mentre ci sono situazioni di indigenza più gravi e quelle andavano privilegiate. Chiedono una rotazione, grazie alla quale fare contratti a quattro mesi per far lavorare tutti prima della prossima estate. Ci sono padri di famiglia, con più figli, disperati. Tuttavia, con anomala fretta, i contratti dei 5 sono già stati firmati, come detto fino a fine aprile. E allora? Come si fa?

Per il sindaco Mitrano, che dal primo momento è sempre stato contrario alla rotazione, si può fare ben poco perchè “io – afferma – non posso obbligare la ditta nelle scelte aziendali. Nè posso fare nomi perchè commetterei un reato. Quello che posso fare è cercare di ragionare con loro e spiegargli la situazione, ma ad un certo punto mi devo fermare“. Eppure, secondo i lavoratori, lui aveva promesso 5 mesi a 6 ore per gli stagionali, ma questi di mesi ne hanno fatti solo 3. C’è poi la vicenda dei contributi non versati, della quale si stanno occupando alcuni sindacati ai quali i lavoratori si sono rivolti per fare chiarezza. La proposta che Mitrano farà all’azienda la conosciamo perchè ce l’ha detta lui, ovvero: Cinque mesi per tutti, e i restanti sette invernali, si dividono in due turni da tre mesi e mezzo che saranno occupati da due gruppi.

Non conosciamo ancora l’esito dell’incontro e quale sarà la soluzione che promettono le parti, ciò che sappiamo però è che sulla vicenda rimangono ancora dei punti oscuri. Sui quali non si è fatta ancora pienamente chiarezza. Non solo il pagamento dei contributi, come riferito da alcuni, ma anche una strana vicenda che ha riguardato un dipendente. Costui si è trovato a lavorare per ben due ditte che ruotano attorno alla Ecocar. Si tratta della Divina Provvidenza di Nettuno, una società che per conto della Ecocar ha distribuito in circa un mese e mezzo i bidoncini per la differenziata, retribuendo con circa mille euro i lavoratori. Tra questi, un uomo, tre giorni prima del termine del contratto al 30 aprile, ha iniziato per conto della M A Immobiliare Srl – con sede a Pomezia – lavori edili in località Canzatora per la ristrutturazione di un edificio che oggi è la sede della Ecocar. Assunto con un contratto a progetto lamenta di non aver avuto i contributi versati e non poter percepire la disoccupazione a causa di questa mancanza. L’edificio ristrutturato, inoltre, è lo stesso presso il quale è stato rimosso un uomo gaetano padre di famiglia con 5 figli, che faceva il guardiano, e rimpiazzato con un uomo fidato dell’azienda, proveniente da Pomezia, di nazionalità marocchina.

Una decisione che ha fatto andare su tutte le furie il sindaco che non è stato avvisato della sostituzione, e che ha definito “scelte gestionali maleducate” quelle delle Ecocar: “Mi avrebbero dovuto avvisare per rispetto – ha affermato il primo cittadino -.”D’altra parte la ditta ha già dovuto sborsare circa 400mila euro di ammende, anche se il sindaco ha poi corretto il tiro affermando che il rapporto tra Comune e Ecocar merita una sufficienza: “Gli do 6”. Ma con quali criteri sono stati scelti i fortunati cinque? Alcuni – ci dicono – hanno addirittura doppio lavoro. Tuttavia dalla ditta ci hanno risposto che loro “hanno fatto scelte aziendali autonome, basate sulla qualità e sull’efficienza lavorativa”. Eppure proprio di quel dipendente utilizzato nel cantiere per ristrutturare la sede, il sindaco ha avuto parole di elogio per l’impegno e la qualità della sua attività. Ma lui è rimasto fuori. Evidentemente le valutazioni di qualità non corrispondono. Insomma “l’azienda non fa beneficenza –  ci hanno detto dalla Ecocar – perseguiamo obiettivi aziendali, in futuro vedremo”.  Un caos nel quale è finito anche l’assessore all’ambiente Alessandro Vona che per Mitrano non sapeva nulla della vicenda. Ora l’assessore vuole spiegazioni circa le affermazioni del primo cittadino.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]