Forfait di Forza Italia, salta l’elezione dei nuovi vertici della XXIIesima Comunità Montana,

La maggioranza targata Forza Italia non si presenta in aula, salta l’elezione del presidente e dei vertici della XXIIesima Comunità Montana.

Nei giorni scorsi, si era dato luogo alla seduta che aveva decretato lo scioglimento per fine mandato degli organi comunitari in carica nell’ultimo quinquennio. Mercoledì pomeriggio, era in agenda il primo consiglio del nuovo corso, in cui si sarebbe dovuto procedere alla presa d’atto delle nomine di tutti i consiglieri rappresentanti dei sei Comuni facenti parte dell’ente montano, ma soprattutto all’elezione del presidente e del vicepresidente del consiglio, del presidente e del vicepresidente della giunta e degli assessori. Passaggio più atteso, ovvio, quello che avrebbe portato ad ufficializzare il nome del successore del presidente Marco Antonio Carnevale: chi il nuovo numero uno di via del Mare?


Le disposizioni calate dall’alto nelle ultime settimane indicavano senza dubbio un altro forzista fondano, l’ex assessore all’Ambiente della prima giunta De Meo Silvio Pietricola. Per sapere se i pronostici saranno rispettati, però, bisognerà attendere ancora: mercoledì la maggioranza ha dato buca. I membri della minoranza comunitaria – sette su otto i presenti – hanno atteso la venuta dei colleghi dall’altra parte dei banchi per circa un’ora. Invano. Dei dieci componenti di maggioranza, non si è presentato nessuno. Circostanza che ha portato gli altri ad ipotizzare disaccordi o forfait dell’ultima ora rispetto alle nomine da avallare.

Verosimile, ma ad ogni modo smentito da qualcuno degli interessati: “Nessun problema. Statuto alla mano, avevamo solo dei dubbi procedurali riguardanti le modalità di convocazione della seduta”. Versione di facciata o meno, dopo l’iniziale nulla di fatto per il rinnovo dei vertici della Comunità si dovrà attendere ancora qualche giorno, con la prossima assise che sarà convocata a breve dall’assessore anziano, l’esponente di minoranza monticellano Nicola Grossi.