Formia, Ricciardella (FN): “Tilt è andata in tilt”

Ruggero Ricciardella

Tilt è davvero andata in tilt e il sig. D’Angelis ha preso un gran bello sfondone con questa sua infelice provocazione omosessualista rivolta alle istituzioni locali di Formia e alla cittadinanza tutta, sollecitando in buona sostanza scuole e Amministrazione comunale ad adottare nel piano d’offerta formativa e tra le “priorità” degli affari generali del nostro municipio la follia gender e quindi l’opera di ipersessualizzazione dei bambini che secondo i loro promotori dovrebbero esser liberi di ricercare una propria identità di genere ergo sessuale a prescindere da madre natura”.

Così ha dichiarato il coordinatore Forza Nuova di Formia Ruggero Ricciardella.


“Premettendo che D’Angelis rappresenti solo una conventicola di gay e affini e non la stragrande maggioranza dei cittadini che sappiamo tutti essere nettamente contrari alla violenza ideologica esercitata nei confronti della famiglia come istituto ma soprattutto nei confronti dei nostri figli, Forza Nuova chiarisce che  quelli che spacciano come corsi sulle affettività altro non sono che subdoli stratagemmi per disorientare i bambini circa la loro identità sessuale proponendo favole e modelli deviati e devianti di coppie “asimmetriche” ed improbabili genitori trans più simili a minotauri che a esseri umani o come nel caso di codesto Zaff bambini che vorrebbero diventare principesse.

La sua sedicente esigenza di “civilizzazione” contrasta con migliaia di anni di antropologia e nulla ha a che fare con la civiltà, ricordando a lui e a tutti gli omosessisti che non si può surrogare il ruolo paterno e materno con figure asessuate ma soprattutto non si può manipolare ideologizzandola la mente di un minore. Pervertire la cellula fondante della nostra società quale appunto la famiglia naturale significa estinzione e null’altro. Forza Nuova ricorda al giovane D’Angelis che quando lo stesso dichiara solennemente che i nostri volantinaggi anti gender sarebbero volti “ad evitare qualcosa che nemmeno esiste”, lo stesso mente e dichiara il falso, dato che in giugno la sinistra del PD ostaggio delle lobby omo ha votato a favore del comma 16 che riferisce testualmente che il padre e la madre altro non sono che stereotipi.

Ebbene, Forza Nuova chiede pubblicamente all’amministrazione comunale, ai dirigenti scolastici e ai rappresentanti di classe e genitori tutti di tutte le scuole di ogni ordine e grado e a coloro che rappresentano Formia ed il buon senso in genere di prendere le distanze da taluni isterismi radical-gender e altresì rivolgere l’attenzione alle innumerevoli problematiche che penalizzano le nostre famiglie che con difficoltà non arrivano nemmeno più alla terza settimana del mese oberate come sono da spese insostenibili. Il POF piano di offerta formativa deve educare e formare i nostri figli in ossequio a quei principi imprescindibili allo sviluppo della loro personalità e della società civile, primo fra tutti la Famiglia, composta da padre, madre, figlio e figlia, con le sue certezze ed i suoi incontrovertibili valori”.