Terracina, il Commissario Prefettizio licenzia quattro provvedimenti

Il Comune di Terracina

Il commissario straordinario del Comune di Terracina, Erminia Ocello, prosegue senza sosta la sua attività di gestione dell’Ente, e in queste ultime ore ha licenziato, con l’ausilio della dirigenza, alcune importanti provvedimenti.

Il primo concerne l’adesione alla Rete per l’acquisizione di manifestazioni d’interesse da parte delle istituzioni scolastiche e educative, per l’individuazione di proposte progettuali relative a laboratori territoriali per l’occupabilità da realizzarsi nel’ambito del piano nazionale scuola digitale emanato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.


Si tratta di aderire a un progetto che ha come fine quello di sviluppare e migliorare le competenze digitali degli studenti e rendere la tecnologia uno strumento didattico di costruzione delle competenze in generale.

Il progetto tiene conto anche che i laboratori territoriali per l’occupabilità si configurano come luoghi d’incontro e sperimentazione per stimolare la crescita professionale, coniugando insieme innovazione, inclusione sociale, anche attraverso la partecipazione di enti pubblici e locali, camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura. Oltre alle università, fondazioni, enti di formazione professionale, istituti tecnici superiori e imprese private.

La costituenda rete e attualmente formata da: Istituto tecnico Bianchini di Terracina (capofila); Liceo scientifico Da Vinci di Terracina, Istituto San Benedetto di Latina, Isituto Filosi di Terracina, Scuola Montessori di Terracina, Istituti scolastici superiori Soccodato di Fondi, Scuola Giovanni XXIII di Monte San Biagio.

Tra gli enti coinvolti: l’Università degli Studi di Cassino, i Centri per l’impiego della Provincia di Latina, Confcommercio Latina, Unindustria Latina, Ascom Terracina, CAT Confcommercio scarl Latina, OESCMI di Gaeta, G.A.C., Gruppo di Azione Costiera isole Ponziane Latina.

Altro importante provvedimento interessa il servizio di refezione, che stabilisce per l’anno scolastico 2015/16 le tariffe sul singolo pasto, che sono state determinate come segue: 4,65 euro a pasto per gli alunni non residenti, per i residenti 2,05 euro a pasto, per i figli delle famiglie indigenti il prezzo è di 60 centesimi di euro.

Terzo provvedimento riferisce l’istituzione di un Punto Acqua presso il Servizio di comunicazione – Urp (area Chezzi) del Comune. Si tratta dell’accoglimento di una proposta formulata da Acqualatina tesa a migliorare qualità delle informazioni di servizio riservate all’utenza cittadina. Il Punto Acqua sarà operativo dopo che il Gestore Acqualatina avrà formato il personale individuato dal Comune di Terracina.

L’ultima delibera firmata dal Commissario Ocello riguarda l’adesione alla campagna “Nastro Rosa” della LILT. Una manifestazione importante per la lotta contro i tumori, che prevede tra le altre iniziative, quella di illuminare monumenti e edifici pubblici di colore rosa.