“300 per cambiare Latina” si presenta

“300 per cambiare Latina” si presenta

“I diversi “capibastone” della politica latinense hanno dato l’avvio alle danze, come in passato essi hanno creato varie associazioni nate con l’unico scopo di fungere da “contenitori di voti”, cui l’improvvido elettore si rivolge per sapere chi è il sindaco o il consigliere “bravo” fregandosene del passato discutibile di moltissimi elementi della politica nostrana”.

Lo dichiara in una nota il portavoce di “300 per cambiare Latina” Massimo Icolaro.

“Non importa – prosegue – se detti politici dietro una vita rispettabile da liberi professionisti o da capitani di industria, mostravano al contempo un lato oscuro più degno di un’associazione a delinquere di stampo mafioso, viste anche il gran numero di denunce ed inchieste su codesti scomodi personaggi votati da cittadini a cui avevano carpito consenso e fiducia.

I “capibastone” o “capimandamento” della politica latinense a capo delle “truppe cammellate” che debbono nuovamente carpire la fiducia dello sprovveduto elettore a cui debbono specialmente far dimenticare le malefatte di questi politici più degni di abitare in via Aspromonte che non nelle loro lussuose dimore acquistate con sotterfugi, bustarelle, e “riconoscimenti” per un posto ottenuto per clientela o per aver vinto una gara pilotata.

E’ sicuramente squallido tutto questo, e non si discosta molto dalla solita politica intrallazzatrice e clientelare, sicuramente i vari capibastone pretenderanno il cosiddetto pagamento della “cambiale” a elezioni avvenute.

D’altronde le notizie allarmanti sulle parentopoli e sui concorsi “aggiustati” creano agitazione ed allarme sociale nella cittadinanza, sconcertata nell’apprendere come “cosa pubblica” sia diventata “cosa nostra” nell’ottica di certi personaggi da sempre discussi e ai quali pare tutto permesso e concesso.

Le file del partito trasversale degli intercettati ed indagati vanno ingrossandosi ogni giorno di più: una vera e propria “cricca” atta ad orientare le scelte della politica spesso clientelari, collusa sempre di più con funzionari della pubblica amministrazione corrotti o facilmente corrompibili.

Come vorremmo noi di “300 per cambiare Latina” invece la nostra città?

  • Libera delle varie servitù come Latinambiente, Metrolatina, il gran proliferare di strisce blu senza aver nessun riscontro in termini di maggiori entrate (corrispettivi non versati Urbania, etc), i vari consigli di amministrazione azzerati (risparmi di almeno 1,5-2 milioni di euro per anno). Tutto questo gestito da un’unica municipalizzata, compreso il trasporto pubblico, componenti del CDA ridotti all’osso e con stipendi simbolici.
  • Revisione del regolamento comunale riguardo alla durata degli appalti, che non possono superare il mandato.
  • Commissioni dei concorsi con componenti provenienti da altre regioni, allo scopo di azzerare il clientelismo.
  • Istituzione di comitati di quartieri efficienti, cui possono essere demandate eventuali azioni di volontariato.
  • Istituzione ed assegnazione di “orti sociali” a coloro che siano interessati a ciò.
  • Manutenzione migliorata di strade pubblica illuminazione con almeno 2 squadre che escono giornalmente per effettuare verifiche, controlli stringenti e sul posto sulla corretta esecuzione di lavori.
  • Revisione dei contratti in essere con controlli all’efficienza dei servizi, applicando sanzioni in caso di disservizi.
  • Un giorno a settimana dedicato alle richieste e all’incontro con la cittadinanza sia da parte del Sindaco che degli assessori che dei dirigenti dei vari settori del Comune.
  • Istituzione dell’indice di soddisfazione dell’utente e indice di “gratificazione nell’ambito lavorativo” da parte dei dipendenti comunali, applicazione meritocratica premio produzione.
  • Istituzione dei lavori socialmente utili per azzerare situazioni debitorie di difficile sanabilità per soggetti che non siano titolari di alcuna entrata.

Non abbiamo alcuna preclusione a far candidare cittadini di ogni estrazione sociale per una vera democrazia dal basso, chiunque lo voglia può contattarci.

Siamo civici veri 100%, senza furbi o infiltrati di sorta, abbiamo avviato colloqui esplorativi con altre liste civiche vere dalle quali ci aspettiamo collaborazione un fattivo polo civico a Latina, a cui interessi il bene della città e dei suoi abitanti.

In settimana verrà nominato un direttivo di 5 persone che avranno diverse mansioni e funzioni, in virtù di quanto esposto, nomi al di sopra di ogni sospetto che gestiranno le liste che si vorranno aggregare in maniera verificabile e trasparente con criteri inoppugnabili.

Il direttivo sarà garante contro infiltrazioni della solita trasformista politica arruffona e invadente e come visto nel passato solo capace di arraffare a piene mani soldi e posti di lavoro per  i soliti “cumparielli”, ritoccare piani edilizi, truccare concorsi, appaltare in maniera pilotata”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social