D’Arco: “Ritornano le gravi riserve mentali del PD: stroncati il porto turistico e il PRG”

D’Arco: “Ritornano le gravi riserve mentali del PD: stroncati il porto turistico e il PRG”

“Non avevo dubbi, afferma D’Arco, ci risiamo di nuovo con le gravi riserve mentali, politiche  e ideologiche, che hanno tarpato le ali allo sviluppo turistico della città da oltre un trentennio. Così’ è stato per la Pedemontana, per il PRG, per l’ex Colonia Di Donato, per l’ex Seven Up, per l’ex D’Agostino e per tanti altri progetti strategici progettati, come la littorina Formia-Gaeta e la seconda Stazione ferroviaria a Santa Croce.

Si tratta, sottolinea D’Arco, di progetti pagati e strapagati con i soldi della collettività, finiti tutti negli archivi polverosi della burocrazia comunale, i quali meriterebbero davvero l’attenzione della Corte dei conti, nonché, il giudizio politico e morale da parte di tutti i cittadini di Formia. Infatti Il documento elaborato dal circolo del PD, la cui sintesi è stata pubblicata sui giornali locali e provinciali, costituisce una vera e propria “stroncatura programmatica” sul progetto del Porto Turistico (ex Ranucci) che rimette di fatto in discussione anche il PRG in  via di definizione.

Su versante più squisitamente politico ritengo, dichiara D’Arco, che questa presa di posizione del circolo PD assume platealmente  una vera e propria presa distanza politica e programmatica dall’attuale Amministrazione, la cui maggioranza istituzionale non può assolutamente  far finta di nulla.  E’ necessario quindi fare subito chiarezza sia politica  nel PD che all’interno dell’attuale maggioranza istituzionale!

Pena la più totale confusione politico-programmatica  e la conseguente ingessatura della economia della nostra città, con le gravissime conseguenze che si possono ben immaginare anche sul piano del  lavoro e dell’occupazione”. Lo dichiara in un comunicato Silvio D’Arco (già Assessore comunale e provinciale allo Sviluppo Economico).

You must be logged in to post a comment Login

h24Social