Quei 13mila euro spesi dal Comune per mille copie de “Le monete di Gaeta”.

Il Comune di Gaeta

La delibera ha ormai quasi due anni, ma forse è sfuggita all’attenzione della opinione pubblica prima del rilancio su facebook da parte del gruppo “Obiettivo Comune”. Si tratta di una spesa di 13mila euro da parte del Comune di Gaeta, che “ravvisa opportunità e convenienza nel procedere all’acquisto”, grazie ad un finanziamento regionale di 95mila euro, per acquistare 1000 copie del libro “Le monete di Gaeta” scritto nel 1915 da Monsignor Salvatore Ferraro.

Certamente un volume importante per arricchire com’era nelle intenzioni dell’amministrazione comunale la biblioteca della città, anche se ci sarebbe da contestare il numero di copie. Con tutta probabilità infatti è difficile pensare ci siano così tanti appassionati di filatelia da affollare la biblioteca della città per richiedere tutti lo stesso libro e nello stesso momento. Inoltre lo stesso Comune di Gaeta incaricò poi la “Edizioni D’Arco”, dell’ex assessore provinciale Silvio D’Arco, che inoltre in quel monento era anche assessore provinciale allo sviluppo economico. Ente al quale lo stesso Comune chiese, oltre alla Regione, il finanziamento, per poi vedersi riconosciuti, come detto 95mila euro.