Fondi, bagni del mercato nel degrado: la denuncia del meetup “Amici di Beppe Grillo”

Non aprite quelle porte. Magari la situazione non ha ancora raggiunto i livelli-limite del passato, ma nei bagni del mercato domenicale di Fondi continua a regnare incontrastato il degrado. Sporcizia, frequenti odori nauseabondi e strutture fatiscenti quando non proprio inservibili (come ultimamente i servizi riservati ai disabili), per i prefabbricati collocati per gli utenti dell’area di via Mola di Santa Maria. Il solito, insomma: apri la toilette, ad accoglierti trovi incuria e inciviltà.

Un quadro desolante tornato nuovamente d’attualità in questi giorni, grazie all’ultimo arrivato tra i tre meetup pentastellati presenti in città, il neonato “Amici di Beppe Grillo”. Sollecitati da alcuni operatori e cittadini, domenica scorsa i suoi attivisti si sono recati sul posto per un sopralluogo che ha portato a documentare uno stato di “abbandono, degrado e mancanza di manutenzione” fatto poi presente per vie ufficiali giovedì, con una nota protocollata in Comune, all’attenzione in particolare del primo cittadino Salvatore De Meo e dell’assessore all’Ambiente Roberta Muccitelli. “Riteniamo che sia una situazione insostenibile – scrivono i grillini nel documento – un pessimo biglietto da visita per tutti i turisti e i cittadini che puntualmente frequentano il mercato anche perché ci sono state, nel tempo, diverse segnalazioni senza che l’amministrazione abbia risolto il problema, che è diventato ormai non rimandabile”. Quali possibili soluzioni? “Chiediamo al sindaco, in qualità di responsabile della sanità pubblica, di voler immediatamente chiudere i bagni sostituendoli con bagni chimici di emergenza e di attivarsi alla ristrutturazione dei siti irrimediabilmente degradati”. Evitando nuovi episodi d’inciviltà dotando l’area – è la proposta avanzata dal meetup – di videosorveglianza nei giorni infrasettimanali e di personale che controlli nelle domeniche di mercato. “Confidiamo nella sensibilità del sindaco e di quest’amministrazione a mantenere alta l’immagine della città di Fondi e ci aspettiamo una pronta risposta alla nostra richiesta”, dicono gli attivisti del Movimento 5 Stelle. Che subito dopo però avvertono: “In caso di ulteriore disattesa, interesseremo gli organi competenti”.