Aule inagibili, alunni costretti ad attendere l’inizio dell’anno scolastico

Le cose non cambiano mai. E Terracina ne è la riprova. A due giorni dall’inizio dell’anno scolastico, quando ormai tutto dovrebbe essere pronto nelle scuole per ospitare gli alunni, ci si ritrova con aule inagibili e lavori non effettuati. Come sta accadendo all’istituto “Elisabetta Fiorini” e l’asilo “Aldo Moro”, lo stabile situato in via Roma che da ormai tempo necessita di alcuni lavori di messa in sicurezza. I genitori invece in queste ore hanno appreso che la data di apertura delle scuole per i loro bambini ancora non è stata decisa a causa della carenza di aule e di conseguenza dei lavori che non sono partiti.

Il perché non siano iniziati i lavori è semplice: non ci sarebbero i soldi, nonostante sia stato destinato un finanziamento di un milione di euro alla ristrutturazione dell’edificio. Il comitato genitori dell’Istituto comprensivo “Montessori” è preoccupato per la situazione e soprattutto della sicurezza dei propri figli all’interno della scuola. E’ trascorsa una intera stagione estiva durante la quale potevano essere realizzati i lavori ed invece ancora si attende. La situazione all’interno di entrambe le scuole sembra essere critica, in quanto a giugno scorso la rottura di un tubo ha provocato ingenti danni al secondo piano e anche al piano terra dove è presente la materna. Guasto riparato dagli operai ma i problemi sono rimasti.


Ieri pomeriggio i vigili del fuoco hanno effettuato un sopralluogo ed hanno ampliato la fascia interdetta. Di conseguenza per quanto riguarda la scuola dell’infanzia “Aldo Moro”, a causa della muffa sono state chiuse 3 aule su quattro, il corridoio e il bagno. Alcune aule dovranno essere spostate in mensa e i bagni saranno in comune con la scuola elementare. La dirigente scolastica ha chiesto un incontro con il Commissario Erminia Ocello per discutere della situazione.