Terracina Book Festival alla sesta edizione

Il Terracina Book Festival è giunto alla sua sesta edizione, che si aprirà l’11 settembre per terminare il 13 settembre. Una tre giorni molto intensa che vedrà, oltre ai molti scrittori locali ed esordienti, anche giornalisti del calibro di Luca Telese, Gigi Moncalvo e Vincenzo Imperatore che presenzieranno l’evento grazie all’intenso e meticoloso lavoro di mediazione svolto dal promotore del festival Massimo Lerose, il quale si dice molto orgoglioso dei risultati raggiunti. Una sesta edizione ricca di novità e di storia, sia locale sia nazionale, divisa tra anarchici pontini che lottano contro il potere costituito e chi il potere lo ha avuto per anni ovvero la famiglia Agnelli (e i suoi peccati) e il caso Moro. Non poteva mancare una analisi economica con una lente sulle operazioni delle banche e come le stesse, secondo Vincenzo Imperatore, imbrogliano il correntista. E poi ancora una finestra sul giallo con Fabio Mundadori e Alberto Lori e il Garfagnana in Giallo.

Spazio alla storia locale con un saggio sulla bonifica dell’Agro Pontino e un interessante studio che
vede Leonardo Da Vinci alle prese con la dieta mediterranea. Da anni, ormai, il TBF è diventato un appuntamento fisso ed inderogabile per tutti gli amanti della buona letteratura. Una letteratura, come ci tiene a specificare lo stesso Lerose, che “sia più varia ed amplia possibile purché sia sempre di alta qualità”, dello stesso parere è il co-fondatore del Terracina Book Festival Andrea Giannasi, anch’egli direttore di una casa editrice la “Prospektiva Editore”.


I giornalisti non saranno gli unici ospiti dell’edizione TBF 2015, che si tiene in Piazza Municipio, infatti oltra ai giornalisti già citati ci saranno anche Gianremo Armeni, l’On. Fabio Lavagno, Carlo Ferrucci, Claudio Caprara, Ciro Pinto, Lucia Guarano, Fabio Mundadori, Alberto Lori, Romano Sauro, Daniele Vogrig, Marco Biffani, Alfredo Iannello, Giulio Alfieri, Giovanni Marchegiani, Marina Mobilio. Tra l’Appia antica e il teatro romano si tiene il festival con contaminazioni letterarie, poetiche, cinematografiche, degustazioni di prodotti tipici e tanti scrittori.

L’evento – organizzato da Prospektiva, fogli di resistenze narrative, da Innuendo editore e da Tra le righe libri – si apre venerdì 11 settembre alle ore 16 e proseguirà per tre giorni. Tanti i temi affrontati prima della grande chiusura con Poeti a Duello lo scontro a colpi di versi giudicati da una giuria popolare e la premiazione del concorso “Si Scrive Terracina”.

Ogni giorno verrà aperto uno spazio bibliolibreria e mercatino gestito da Slow Food Terracina per far incontrare i sapori e il gusto del territorio. Sarà presente per questa edizione Slow Food Garfagnana e Valle del Serchio con il biroldo, il prosciutto bazzone, i formaggi, la mondiola, i vini degli antichi poderi, il pane di patate. Insomma il TBF rappresenta un’occasione unica dove poter trovare scoprire nuove realtà editoriali, come autori emergenti e giovani, e allo stesso tempo si possono assaporare le prelibatezze tipiche del territorio pontino.