Termina l’incubo per due cittadini indiani, vittime di violenze e soprusi da parte di alcuni connazionali

Nella mattinata del 25 agosto a Terracina, i Carabinieri del NORM unitamente aquelli della locale Stazione, in esecuzione dell’ordinanza di sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Latina, che concordava con la richiesta avanzata dall’Arma, traevano in arresto tre cittadini di nazionalità indiana, due giovani 27enni ed un 25enne. Un quarto connazionale 27enne, anch’egli colpito dal medesimo provvedimento restrittivo, è attualmente ricercato, non essendo stato  rintracciato, ed è stato deferito in stato di libertà per il reato di evasione.

I quattro soggetti, erano già stati tratti in arresto l’11 novembre 2014 dall’Arma di Terracina, poiché ritenuti  responsabili di rapina e lesioni nei confronti di due loro connazionali, nonchè di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.


Durante la notte del 20 agosto, tre di essi, armati di bastoni e di mazze ferrate, sebbene sottoposti al regime degli arresti domiciliari, presentatisi presso l’abitazione delle  vittime della precedente rapina, venivano messi in fuga dal tempestivo intervento di una pattuglia dell’Arma sopraggiunta sul posto della minacciata aggressione.  All’esito della nuova richiesta di provvedimento restrittivo, avanzata dai Carabinieri operanti, l’A.G. emetteva per i quattro stranieri la suddetta ordinanza di custodia cautelare in carcere.  Gli arrestati sono stati trasferiti presso la Casa Circondariale di Latina.