“La buona scuola”, Fondi Unita raccoglie 200 firme per il referendum abrogativo

11953158_10206005240302381_3753776648851043927_nGrande successo ha riscosso il 22 agosto scorso il gazebo organizzato dal movimento civico “Fondi Unita” per la raccolta di firme per il referendum abrogativo della Legge 107/2015, la cosiddetta “Legge della buona scuola”, presentato dal comitato nazionale leadership alla scuola. Alla presenza della referente per questa iniziativa del movimento, Pina Zizzo, del consigliere comunale Piergiorgio Conti, del dirigente Andrea Orticelli e del segretario politico di “Fondi Unita”, Angelo Macaro, e diversi aderenti, in poche ore sono state raccolte oltre 200 firme. Un’iniziativa che verrà replicata nelle prossime settimane, sottolineando che le firme possono essere apposte tutti i giorni presso il Comune di Fondi fino al 25 settembre prossimo.
“Quello che mi preme sottolineare – ha dichiarato il segretario Angelo Macaro – è che purtroppo abbiamo riscontrato tra i cittadini una poca conoscenza di questa problematica, di questa legge che cambierà, certamente non in meglio, la scuola italiana, e del fatto che c’è un forte movimento di base impegnato a contrastarla. Purtroppo è in atto una vera e propria censura da parte di tanta parte degli organi di governo, che ha gettato una coltre di silenzio su questa importante problematica che non interessa solo gli addetti ai lavori, come gli insegnanti, ma tutti, dagli studenti ai genitori. Noi ci stiamo impegnando in prima linea in questa battaglia, perché riteniamo che una politica che veda il cittadino protagonista è quella che contribuisce a diffondere informazioni sul territorio e che sostiene giuste cause, come questa, in nome di parole come solidarietà e condivisione, che purtroppo sono sempre meno conosciute dalla gente che è sempre più spinta a occuparsi della sfera personale e familiare trascurando la società in cui vive”.
Cogliamo l’occasione per lanciare un appello, non solo ai fondani, ma anche alle organizzazioni sindacali, ai partiti politici, alle associazioni, ad impegnarsi per fare in modo che entro il 25 settembre prossimo le firme raccolte nella nostra città possano essere migliaia.