Acqualatina: “Ancora sterili e infondate polemiche da parte del Comitato di Formia”

“Il Comitato Spontaneo di Formia non perde occasione per inveire contro il Gestore del Servizio Idrico, inventando, di volta in volta, fantasiose e surreali giustificazioni alla propria avversione aprioristica. Nel caso specifico, il Comitato si scaglia contro la Campagna educativa sul Risparmio Idrico che il Gestore porta avanti, tra la soddisfazione di cittadini e Istituzioni, sin da inizio gestione.

Le accuse che il Comitato muove contro Acqualatina sono relative a presunti mancati investimenti nel Sud Pontino e presunte inefficaci soluzioni tecniche a problemi sulla rete nel Comune di Formia. Ovviamente, nulla di tutto ciò è vero e i fatti dimostrano l’esatto contrario.


Acqualatina, infatti, è intervenuta in maniera incisiva sulle reti del Sud Pontino, dove è stata ereditata, dalle precedenti gestioni pubbliche, una situazione fatiscente e del tutto inadeguata, in special modo a Formia:

  • su Formia sono già stati sostituiti importanti tratti di condotta, interventi risolutori che hanno permesso di beneficiare di un miglioramento della qualità del servizio, con una riduzione delle richieste di intervento pari al 12%, nel periodo 2013-2014, con un trend che trova conferma ancora migliore nel 2015.

Ne sono un esempio i lavori eseguiti sulla rete idrica a Santa Maria La Noce, Via Mamurra, Via Rubino, Via Pontone e Via Lavina, nonché i lavori su ulteriori 2.000 metri di rete, tra cui, i più importanti, hanno interessato Via Ponzanello, per un investimento totale di oltre 500mila euro per complessivi 3.500 metri di rete sostituita nel solo 2015.

  • Ulteriori specifici investimenti sono stati effettuati per la realizzazione della nuova rete idrica di Acqualonga e Mergataro (330mila euro), per la realizzazione di lavori sul serbatoio di S. Pasquale  (900mila euro) e per la realizzazione di lavori di messa in sicurezza dei serbatoi idrici (100mila euro).
  • Inoltre, entro il 2017, sono previsti ulteriori 5,5milioni di euro di interventi che interesseranno lavori su reti e impianti e interventi sul fenomeno delle dispersioni idriche. Questi ultimi lavori vanno a inserirsi nel più ampio progetto di Recupero Dispersioni Fisiche, che sta interessando tutto il Sud Pontino, con un investimento che riguarderà un importo complessivo di oltre 31milioni di euro.

Alla luce di ciò, appare chiaro e inconfutabile che le dichiarazioni del Comitato non hanno alcun fondamento e risultano null’altro che fantasie”- lo dichiara in un comunicato il Servizio Comunicazioni di Acqualatina S.p.A.