“ ‘N de scordà ‘ste còse” concerto di Quirino Cifra a Bassiano

“ ‘N de scordà ‘ste còse” concerto di Quirino Cifra a Bassiano

Un viaggio nei ricordi e nella tradizione senza dimenticare di volgere lo sguardo ai giorni nostri. Questo è “ ‘N de scordà ‘ste còse”, il concerto di Quirino Cifra, accompagnato dalle chitarre di Mimmo Battista e Angelo Cassoni, in programma il prossimo 2 agosto, alle ore 21, nella suggestiva cornice di Piazza Sant’Erasmo a Bassiano. Quattordici brani in dialetto bassianese, introdotti e impreziositi dalle incursioni teatrali di Amalia Avvisati e Orazio Mercuri. L’evento, patrocinato dal Comune di Bassiano, dall’Assessorato alle Pari Opportunità, IPAZIA – la Consulta delle Donne e l’Associazione Culturale Lepanto, è stato presentato nel corso di una conferenza stampa proprio all’interno del Palazzo Comunale.

IL CONCERTO – Uno spettacolo divertente ma anche ricco di spunti di riflessione, che fonda le sue radici nella profonda amicizia che lega i protagonisti. Tutto ha avuto inizio oltre un anno fa, quando la vita di Quirino Cifra viene scossa da una terribile notizia: la malattia di una persona a lui molto cara. La sua sensibilità lo porta a chiudersi nella riflessione e a ricercare nel passato, nelle tradizioni del suo paese e nella musica, la forza per affrontare quella difficile situazione. Scopre storie, aneddoti, vecchie fiabe popolari. Un bagaglio prezioso di memorie e frammenti di vita che traduce in canzoni affidando all’autenticità del dialetto, tutta la loro anima. Versi e melodie poi selezionati e arrangiati dall’amico e compositore Mimmo Battista, quindi trasformati in un recital insieme ad Angelo Cassoni, Amalia Avvisati e Orazio Mercuri.

Ad aprire la serata sarà la canzone dal titolo “J’emigrante” che racconta la storia di un uomo che alla fine del 1800, come molti suoi conterranei, è costretto a partire per cercare fortuna lontano da casa. Quando torna, trova un paese cambiato, diverso. Ma partendo dalla vicenda del singolo, brano dopo brano si narrerà la storia di un’intera comunità. Un viaggio tra i vicoli del paese per riscoprirne personaggi, mestieri, profumi e suoni. Vicende dal sapore antico che però rimandano a questioni estremamente attuali come l’immigrazione o l’eterno conflitto tra chi esercita il potere e chi lo subisce. Il concerto, “ ‘N de scordà ‘ste còse”, sarà una serata di note e di emozioni, in un continuo susseguirsi tra passato e presente, in un crescendo emotivo e musicale. Uno spettacolo divertente, ricco di ironia, sarcasmo ma anche di spunti di riflessione. Un recital pensato in particolare per i giovani, destinatari di un prezioso scrigno di ricordi, tradizioni e ideali.

LE DICHIARAZIONI – Parole di elogio ai protagonisti dell’iniziativa sono state espresse dal sindaco di Bassiano Domenico Guidi che nel corso della conferenza stampa ha tenuto a sottolineare come sia importante salvaguardare le tradizioni e il dialetto delle piccole comunità soprattutto attraverso eventi culturali tra i vicoli e le piazze del centro storico. “Un popolo senza memoria storica è destinato a non avere futuro” ha affermato il Primo Cittadino che rivolgendosi a Quirino Cifra e ai suoi compagni di avventura, li ha definiti “i nuovi cantori”.

Presente anche l’assessore alle Pari Opportunità Giovanna Coluzzi che ha raccontato di essere rimasta subito entusiasta dell’iniziativa che “va a colmare quel vuoto rappresentato, finora, dall’assenza di canzoni vere e proprie in dialetto bassianese”. Brani che parlano di tradizioni, valori, del ruolo delle donne e “per questo – ha aggiunto – abbiamo deciso di inserirlo nella rassegna “Bassiano in Rosa”.

La parola è poi passata ai protagonisti dell’evento. Con la voce a tratti interrotta dall’emozione, Quirino Cifra ha parlato del suo amore per la musica, per Bassiano, del fascino che da sempre hanno esercitato in lui i racconti di vecchie storie e aneddoti ma soprattutto del bisogno che ha sentito, in un momento particolare della sua vita, di trasformarli in musica. “In pochissimo tempo ho scritto decine di canzoni. Dopo averne ascoltata qualcuna, il mio caro amico Mimmo Battista mi ha spronato a continuare e poi a racchiudere quei brani in uno spettacolo vero e proprio – ha spiegato Cifra, definendo il concerto un suo personale “dono al paese di Bassiano e ai suoi giovani. Per dimostrare loro il valore e le potenzialità del dialetto”.

A chiudere la conferenza stampa, il compositore e talent scout della Sony di Monaco Mimmo Battista. Partendo dalla profonda amicizia che da anni lo lega a Quirino Cifra, ne ha elogiato il talento e la sensibilità. Ha poi tenuto a sottolineare come il concerto “ ‘N de scordà ‘ste còse” diventerà un disco e, grazie alla grande casa discografica, approderà anche in Canada e negli Stati Uniti dove è molto forte la presenza di emigranti originari dei Monti Lepini. Rivolgendosi al Sindaco, Battista ha poi espresso la volontà di riportare, insieme alla Sony e all’amministrazione, il paese ai fasti di un tempo, “quando Bassiano era il più importante centro promotore di eventi culturali del territorio”. Una promessa affinché si realizzino altre iniziative.
Appuntamento al 2 agosto in Piazza Sant’Erasmo a Bassiano con il concerto “ ‘N de scordà ‘ste còse”.

FOTO LOCANDINA

You must be logged in to post a comment Login

h24Social