Il prof Marcello Teodonio presenta a Cori la sua antologia

Sabato 13 Giugno 2015, alle ore 17, nell’incantevole cornice della Chiesa di Sant’Oliva, verrà presentato a Cori il libro curato dal prof. Marcello Teodonio “Er Catachisimo. La riliggione spiegata e indifesa nei sonetti di Giuseppe Gioachino Belli” (Elliot Edizioni, 2014). All’incontro con l’autore, promosso dal Comune di Cori – Assessorato alla Cultura, saranno presenti anche il Sindaco Tommaso Conti, il Delegato alla Cultura Roberto De Cave e la prof.ssa Secondina Marafini.

La riflessione sul tema della religione è centrale in Giuseppe Gioachino Belli (1791-1863), sia nell’aspetto storico/politico che in quello dottrinale. Il volume è costruito su una selezione ragionata e commentata dei sonetti di Belli sulle verità di fede del Cattolicesimo, anzi su tutte le verità di fede, che vengono da Belli rappresentate, riscritte e sottoposte a una severa e puntuale analisi, comica e tragica al tempo stesso, che ha però la straordinaria caratteristica di rispettare alla lettera le Verità stesse.


Ne viene fuori un quadro di grande fascino, originale e articolato, ricco di aspetti ancor oggi al centro della riflessione dei credenti o di chiunque affronti le tematiche connesse alla religione in generale e al Cattolicesimo in particolare. Per orientare il lettore in una materia così vasta, che grosso modo potrebbe coinvolgere quasi l’intero corpus dei 2279 sonetti romaneschi di Belli, e dare ordine e senso alla ricerca, l’opera segue la struttura (domanda e risposta) e l’ordine del catechismo di Pio X, comunemente usato nelle parrocchie.

Il prof. Marcello Teodonio (Roma, 1949), autore di numerose pubblicazioni, è attualmente il massimo studioso del Belli e tra i massimi della letteratura in romanesco. Segretario scientifico del Comitato Nazionale delle Opere di G.G. Belli; Presidente del Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli; esperto di letteratura romanesca presso l’Università di Roma II Tor Vergata; socio ordinario dell’Istituto Nazionale di Studi Romani, dell’Arcadia, del Gruppo dei Romanisti; titolare della cattedra di letteratura italiana presso la Fondazione Besso.