Piano nazionale sicurezza stradale, dalla Provincia interventi per 580mila euro

Trentacinque nuovi punti luce alimentati con impianto ad energia solare, nuova segnaletica orizzontale in corrispondenza degli incroci, inserimento di barriere guard-rail. Questi alcuni degli interventi programmati dalla Provincia di Latina nell’ambito del Terzo Piano Nazionale della Sicurezza Stradale sulle strade di pertinenza dell’ente. I tratti dove sono stati previsti i primi interventi interesseranno complessivamente otto comuni (Lenola, Pontinia, Fondi, Cisterna, Sezze, Norma e Bassiano) per un importo complessivo di 580mila euro.

Gli interventi in alcuni casi riguarderanno (oltre all’installazione dei punti luce, al rifacimento della segnaletica orizzontale e delle barriere guard-rail) anche la realizzazione di tratti di marciapiede a protezione degli utenti deboli, verranno eseguiti sulle strade (che attraversano vari territori comunali): Ninfina I e Ninfina II, Migliara 47, Strada Provinciale Diversivo Acquachiara, Strada provinciale Fondi-Sperlonga e Strada Provinciale Ambrifi Pastena.


I lavori, come detto, sono stati finanziati con i fondi per il Terzo Piano Nazionale della Sicurezza Stradale e vanno a inserirsi in una serie di interventi che la Provincia sta programmando per la messa in sicurezza delle strade di sua competenza. I lavori avranno inizio entro la prima decade di giugno.

“Tra mille difficoltà legate al bilancio e alla riorganizzazione dell’ente – afferma il presidente della Provincia Eleonora Della Penna -, come amministrazione provinciale riusciamo a programmare, grazie anche al lavoro dei nostri tecnici, interventi che seppur senza impegnare risorse importantissime che purtroppo non abbiamo più a disposizione, riescono a dare risposte all’esigenza primaria che, per quanto riguarda le nostre strade, è e rimane quella della loro messa in sicurezza. C’è molto da fare ma con impegno, capacità e collaborazione anche con i sindaci del territorio che sono sempre in prima linea per segnalare situazioni critiche o emergenze, possiamo davvero offrire risposte ancora concrete nella speranza di poter tornare a programmare presto anche interventi più corposi su tutto il nostro territorio provinciale. Va sottolineato che il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale rappresenta comunque una opportunità efficace e immediata che, come ente, non potevamo non cogliere e valorizzare”.