Omicidio di “don” Barlone, la svolta: 6 arresti tra Fondi, le province di Napoli e Salerno

Omicidio di “don” Barlone, la svolta: 6 arresti tra Fondi, le province di Napoli e Salerno
*La vittima*

*La vittima*

FLASH – Il cerchio attorno all’omicidio di “don” Patrizio Barlone, l’ex diacono e falso prete di Monte San Biagio rinvenuto cadavere nella propria abitazione nel cuore del paese lunedì 9 febbraio, è andato a chiudersi. Fine del giallo.

Dopo mesi di febbrili indagini, al termine di vari blitz messi in atto contemporaneamente nella notte di lunedì, i carabinieri hanno tratto in arresto sei persone accusate a vario titolo del delitto, consumatosi intorno all’ora di cena dell’8 febbraio, al culmine della festa patronale, l’Ottavario di San Biagio.

A finire nelle maglie delle forze dell’ordine, un fondano, Aldo Quadrino, individuato come il mandante di quella che è stata inquadrata come una rapina finita male, e cinque campani di Napoli e provincia, tra cui una donna. Si riportano di seguito in dettaglio i nominativi degli arrestati: Avola Salvatore, 43enne di Torre del Greco (NA); Avola Vincenza, 36enne di Torre del Greco; Imperato Antonio, 56enne di Ercolano (NA); Marasco Carmine, 49enne di Torre del Greco; Quadrino Aldo, 53enne di Fondi; Scarallo Salvatore, 50enne di Napoli.

Confermata, quella che sin dall’inizio era stata la strada maggiormente battuta dagli investigatori: il movente economico.

Il 61enne Barlone era stato trovato ormai privo di vita da una nipote nella zona giorno della propria abitazione di via Roma, a due passi dal Municipio e dalla locale Stazione dell’Arma. Era legato mani e piedi per mezzo di alcune fascette, aveva una sciarpa in bocca e una specie di plaid attorno al capo.

I particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11 presso il Comando Provinciale di Latina.

(immagini del 12 febbraio 2015)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social