Gaeta, sindaco e giunta diffidati sul parcheggio di Villa delle Sirene

Gaeta, sindaco e giunta diffidati sul parcheggio di Villa delle Sirene

La sensazione è che possa trattarsi solo di uno dei primi capitoli di una battaglia destinata ad arricchirsi di nuove puntate. Perchè se da una parte il sindaco di Gaeta e la sua giunta sembrano proseguire dritti per la loro strada, dall’altro la città e molti residenti hanno già in più occasioni fatto sentire forte la loro voce di protesta contro il progetto che vuole la realizzazione di un parcheggio interrato nel quartiere residenziale di Villa delle Sirene. Per questo motivo dopo la nascita di un apposito comitato civico e l’organizzazione di una grande manifestazione di protesta in città il 23 aprile prossimo, ora è arrivato persino un atto di significazione e diffida da parte di Ersilio di Bernardo il cui studio cura gli interessi del condominio Villa delle Sirene.

Di seguito il testo del documento inoltrato alla pubblica amministrazione: “ATTO DI SIGNIFICAZIONE E DIFFIDA- Il sottoscritto Di BERNARDO ERSILIO, con studio in Gaeta, Lungomare Caboto n. 7, nella qualità di amministratore del Condominio Villa delle Sirene, a questo atto autorizzato dall’Assemblea dei Condomini in data, assistito dall’Avv. Filippo D’Urgolo, con studio in Formia, via Vitruvio, 334

Premesso:
– che il Comune di Gaeta intende realizzare un parcheggio multipiano interrato nella piazza di Villa delle Sirene;
– che ha addirittura indetto la gara di appalto per l’esecuzione dell’opera;
– che l’intervento che il Comune intende effettuare al di sotto della piazza di Villa delle Sirene arreca gravissimo pregiudizio al condominio dal sottoscritto rappresentato, nonché all’assetto paesaggistico ed al decoro della stessa piazza per i seguenti

MOTIVI:
1Come risulta dallo studio di fattibilità dell’Ufficio Tecnico dello stesso Comune: “Le aree di Villa Sirene e Piazza XIX Maggio sono classificate nel PTPR come Paesaggio degli insediamenti urbani. In tale classificazione è prevista la realizzazione di parcheggi subordinandola allo studio di inserimento paesistico, che dovrà contenere elementi per la valutazione della compatibilità con il paesaggio urbano, in relazione alle modificazioni dell’assetto precettivo, scenico e panoramico”.
Al momento nessuno studio risulta essere stato effettuato in ordine all’impatto ambientale e paesaggistico che la piazza andrebbe a subire dopo lo sconvolgimento che inevitabilmente si verificherà per effetto dei lavori di realizzazione del multipiano che coinvolgerebbero anche lo stesso monumento ai caduti della prima guerra mondiale. Né risulta allo stato provato e accertato la “stretta necessità” di realizzare un parcheggio multipiano interrato in un centro storico.
E’ del resto notorio che i parcheggi sotterranei sono poco ambiti e utilizzati dagli automobilisti, che li ritengono pericolosi, perché di solito incustoditi (cfr parcheggi sotterranei di Largo Paone a Formia e della Reggia di Caserta).

2Anche sotto l’aspetto geologico e idrologico l’opera da intraprendere si appalesa pericolosa. Risulta, infatti, dalla relazione a firma del geologo Luca Burzi, commissionata dal Comune che sussistono “…elementi di pericolosità geologico, idrogeologica e di complessità geologico-tecnica tali da essere superati solo da accorgimenti tecnici e oneri finanziari significativi…”, peraltro non accertati e quantificati dallo stesso Comune.

3Ma quello che maggiormente rileva è la prossimità degli scavi da effettuare al fabbricato condominiale, realizzato negli anni 50 dello scorso secolo, anche con materiali di risulta e con le tecniche (non antisismiche) dell’epoca. Sussiste, quindi, il pericolo che il suddetto fabbricato subisca dissesti anche gravi, che metterebbero in pericolo la statica dell’edificio e la sicurezza dei condomini.

E’ poi da porre nella massima evidenza che le vibrazioni prodotte dalle pale meccaniche, impegnate negli scavi piuttosto profondi (si vorrebbero realizzare ben tre piani interrati) sicuramente andrebbero a causare lesioni anche gravi all’edificio condominiale.
Tanto esposto, il sottoscritto, nell’interesse e per conto del Condominio di Largo Sirene in Gaeta
INVITA E DIFFIDA
1) il Sindaco del Comune di Gaeta, dott. Cosmo Mitrano;
2) il sig.ra Francesca Lucreziano – assessore;
3) il sig. Pasquale De Simone – assessore;
4) il sig. Luigi Ridolfi – assessore;
5) il sig. Cristian Leccese – assessore;
6) il sig. Alessandro Vona – assessore;
7) l’arch. Roberto Guratti, dirigente del Settore Urbanistica,
tutti domiciliati per la carica presso il Comune di Gaeta, piazza XIX Maggio a desistere dal compimento dell’opera di cui in premessa risultante la stessa pericolosa, inutile e dispendiosa.
-Condominio Piazza delle Sirene-“

You must be logged in to post a comment Login

h24Social