La “Passione di Cristo” di Pulcherini giunge alla 48° edizione

La “Passione di Cristo” di Pulcherini giunge alla 48° edizione

L’associazione socio-culturale “Paese Mio” e la Parrocchia San Giuseppe di Pulcherini presentano la “Passione di Cristo”, evento di grande risonanza nel territorio del Basso Lazio e oltre.

“E’ la manifestazione più rappresentativa e quest’ anno (2015 a.D.) è giunta alla 48° edizione. Ha visto centinaia di partecipanti e decine di migliaia di spettatori giunti sia da tutto il nostro territorio che da buona parte del centro-sud. Questo particolare evento si distingue per caratteristiche a tratti uniche come la struttura naturale dei luoghi che lo accolgono, la cura storico-teologica profusa nella stesura deitesti, la meticolosa composizione della colonna sonora, le scenografie, gli effetti speciali e la recitazione. Tutto ciò dàallo spettacolo un impatto emozionale senza paragone, riportando alle sue radici storiche, alla Lauda medievale.

Da Isaia (VI sec. a.C.) … “Alla fine dei giorni, il monte del tempio del Signore sarà eretto sulla cima dei monti e sarà più alto dei colli; ad esso affluiranno tutte le genti. Verranno molti popoli e diranno: “Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio del Dio di Giacobbe, perché ci indichi le sue vie e possiamo camminare per i suoi sentieri”.

Il Venerdì Santo di Pulcherini è alla sua 48° edizione. Ci avviciniamo così alla “50°” Edizione a grandi passi; e sembra “ieri” la “prima” a noi che eravamo lì. Che tutto passi non è certamente una novità. Ma un evento indubbiamente nuovo è la sostituzione di alcune scene, di parte dei commenti, e il passaggio dalla staffetta in alcuni ruoli importanti: Pilato, Zera, il soldato del sinedrio, Satana e …una nuova figura del Gesù, dove possiamo ben dire che è da padre a figlio, che da Alberto Ticconi passa ad Attilio Ticconi, “ figlio d’arte”.

Alcuni cambiamenti ci sono stati anno per anno, ma a piccoli passi e un poco alla volta, quest’anno invece sono diversi e conclusivi del passaggio generazionale ai neo ventenni. Inoltre, se lo scorso anno vi è stata grande affluenza di pubblico per quest’anno vogliamo prevederne ancora di più. Quindi, ci auguriamo che ancora una volta, centinaia e centinaia di persone giungeranno da tante parti del territorio e anche da altre regioni a Pulcherini. Per tale occasione l’Associazione Paese Mio, e la comunità parrocchiale compiranno ancora il “miracolo”, tuttavia, ciò non ci impedisce di sperare sempre nella sensibilità responsabile di amministratori ed operatori nei vari settori impegnati sul nostro territorio.

La Passione è un messaggio universale e, in special modo, il messaggio della Passione di Pulcherini, Per nostra esperienza personale possiamo testimoniarlo: essa è una forza che entra nei cuori e nello spirito così tanto da trasformare gli spettatori in pellegrini verso il cielo e i curiosi in messaggeri dell’anima. Quindi un Gesù sempre più vero, che non ha peli sulla lingua e che continua a dire pane al pane e vino al vino e a cacciare con la frusta i ladri, i corrotti e i corruttori dal tempio e non solo. Il nostro pensiero và come sempre con gratitutudine e riconoscenza ai carpentieri, ai trovaroba, ai tecnici audio e delle luci, alle costumiste e ai truccatori. Alle comparse, e a tutti i collaboratori”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
.uffa { text-align: center; } .inner { display:inline-block; }