Terracina, la strada intitolata ad Aldo Moro: un’idea di Di Mario e del Sestante

Antonello Di Mario

Correva l’anno 2008, ed era il mese di maggio, quando Antonello Di Mario, giornalista e scrittore di Terracina, proponeva ad un consiglio comunale riunito in seduta straordinaria, di dedicare un luogo della città alla memoria di Aldo Moro. Ora che il clamore delle polemiche si è placato e allo statista democristiano è stato intitolato quello che fin qui è stato Piazzale Lido, vale la pena ricordare che una idea analoga era stata espressa, in forma solenne, il 9 di maggio di ben sette anni fa dal giornalista terracinese, chiamato a commemorare davanti all’Assemblea consiliare l’uomo politico ucciso dalle Brigate Rosse.

Una proposta, questa, maturata nell’associazione Il Sestante, nella quale Di Mario si riconosceva e ancora oggi si riconosce. All’epoca, il giornalista chiedeva l’intitolazione a Moro di Viale Circe, proprio come la mozione presentata nell’ultima seduta consiliare.


“Sarebbe auspicabile – dichiarò in quell’occasione Di Mario – che questa amministrazione dedicasse ad Aldo Moro un luogo che amava molto, quello delle sue passeggiate, uno spazio che definirei proprio dell’anima, dove si distendeva ruminando mentalmente intuizioni e cogliendo utili suggestioni”.

All’epoca, l’iniziativa del giornalista non ebbe alcun seguito, mentre ora la proposta di mozione ha suscitato un dibattito sul web, che ha visto i contrari argomentare con tesi che hanno fatto pensare e che alla fine hanno indotto il sindaco Nicola Procaccini a desistere dall’ipotesi originaria e a legare al nome di Moro soltanto l’area di Piazzale Lido. “Il Piazzale Lido, e non più il lungomare, sarà intitolato all’onorevole Aldo Moro – ha twittato Di Mario -. Va comunque bene! Comunità e memoria condivisa”.