Mafia Capitale, indagati e perquisizioni a Latina

Mafia Capitale, indagati e perquisizioni a Latina

Sono 37 gli arrestati nell’operazione “Mafia Capitale” che ha coinvolto anche la provincia di Latina attraverso alcune perquisizioni e, pare, l’iscrizione nel registro degli indagati almeno due persone. Nell’elenco dei destinatari dei provvedimenti di custodia cautelare diffuso dalla procura figurano malavitosi e alcuni volti noti della politica romana, ma anche dirigenti ed ex amministratori delegati delle aziende municipalizzate di Roma.

Luca Gramazio ( il primo a sx)

Luca Gramazio ( il primo a sx)

Ordinanza di custodia cautelare in carcere per l’ex Nar ed ex leader della Banda della Magliana Massimo Carminati; per il direttore generale dell’Ama il direttore generale dell’Ama Giovanni Fiscon, l’ex Ad dell’Ente Eur Riccardo Mancini (già indagato per corruzione), l’ex ad di Ama Franco Panzironi (pluri indagato per lo scandalo Parentopoli) e la sua storica segretaria Patrizia Caracuzzi, l’ex capo della polizia provinciale Luca Odevaine. E inoltre: Riccardo Brugia; Roberto Lacopo; Matteo Calvio; Fabio Gaudenzi; Raffaele Bracci; Cristiano Guarnera; Giuseppe Ietto; Agostino Gaglianone; Salvatore Buzzi; Fabrizio Franco Testa; Carlo Pucci; Sandro Coltellacci; Nadia Cerrito; Claudio Caldarelli; Carlo Maria Guarany; Emanuela Bugitti; Alessandra Garrone; Paolo Di Ninno; Pierina Chiaravalle; Giuseppe Mogliani; Giovanni Lacopo; Claudio Turella; Emilio Gammuto; Giovanni De Carlo. Ai domiciliari sono finiti invece: Patrizia Caracuzzi, segretaria di Panzironi all’epoca del caso Parentopoli; Emanuela Salvatori; Sergio Menichelli; Franco Cancelli; Marco Placidi; Raniero Lucci; Rossana Calistri; Mario Schina.

Tra gli indagati eccellenti l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno ed il consigliere regionale di Forza Italia Luca Gramazio (nella foto  proprio ieri in visita all’ospedale di Latina con una delegazione di consiglieri della Pisana)

La propaggine pontina dell’operazione, come si diceva, ha portato all’esecuzione di alcune perqusizioni a Cisterna di Latina e Borgo Sabotino: indagati risulterebbero due noti imprenditori legati al sodalizio romano.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]