Rifiuti nel piazzale dell’ospedale ‘Fiorini’, blitz della municipale

Rifiuti nel piazzale dell’ospedale ‘Fiorini’, blitz della municipale

La differenziata si è fermata fuori l’ospedale di Terracina ‘Alfredo Fiorini’. Ma proprio fuori i cancelli, alla luce delle decine e decine di buste nere, bianche, scatole di cartone e tanta altra immondizia accatastata a terra. Non certo una novità di questi tempi a Terracina. Ma visto che succede nell’ospedale ‘Alfredo Fiorini’ la questione è un tantino più preoccupante.

Sabato mattina è stata fotografata una situazione a dir poco vergognosa nella parte  dell’edificio solitamente adibita alla raccolta dell’immondizia. Sembrava di trovarsi in una zona di estrema periferia, dove chiunque ha qualcosa di cui disfarsi passa e la getta lì, come se nulla fosse. E probabilmente dev’essere anche capitato questo, non si esclude che tutti quei rifiuti fossero dovuti anche a qualche cittadino che vive in zona e che si prende il disturbo di andare in ospedale a gettare la sporcizia di casa. Ma la maggior parte di quelle buste proverrebbero dall’ospedale ‘Fiorini’, rifiuti prodotti all’interno dell’ospedale e, come documentavano le foto che hanno fatto il giro del web, accatastati alla rinfusa.

Dopo la bonifica

Dopo la bonifica

Pare non si trattasse di rifiuti speciali, che seguono a monte una strada diversa. C’era l’organico, plastica, carta, ma resta comunque una brutta immagine. Una situazione che la Servizi Industriali avrebbe denunciato da circa un mese senza, però, venirne a capo e trovando quasi tutti i giorni quell’indecenza. Poi sabato mattina, anche in concomitanza di parecchie segnalazioni di cittadini basiti, gli operai hanno allertato l’assessore all’Ambiente Fabio Minutillo e la polizia locale del comandante Fernando Di Crescenzo che stanno vagliando la situazione per capire eventuali responsabilità e procedere con una sanzione. Pare che il problema dipenda dal fatto che la zona rifiuti del ‘Fiorini’ non sia stata ancora adeguata alla raccolta differenzia, né ci sarebbero direttive in merito.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social