X edizione del Premio “eGov”, l’assessore di Priverno: “Soddisfatti di essere arrivati in finale”

premioIl premio non è arrivato, ma la soddisfazione è ugualmente grande. Al ritorno da Rimini, dove si è tenuta la X edizione del Premio eGov, l’assessore all’Innovazione del Comune di Priverno, Pierluigi Vellucci, tira le somme di un’esperienza comunque positivia. “Resta un po’ di amaro in bocca per il premio sfuggito – ammette l’assessore privernate – ma non posso nascondere di essere comunque soddisfatto: era la nostra prima partecipazione al premio eGov e l’esser arrivati in finale è già un grande riconoscimento al lavoro svolto sinora. D’altronde, nella nostra stessa categoria erano iscritti giganti come l’INPS, il Consorzio degli Enti Locali della Valle d’Aosta, FormezPA e molte amministrazioni provinciali: esser nominati con loro è già un ottimo risultato”.

La premiazione, inoltre, è stata occasione per conoscere altri amministratori locali e stringere rapporti con alcuni di loro. “L’evento di giovedì è stato utile per entrare a contatto con un mondo che molti ignorano. La gran parte dei cittadini immaginano l’amministrazione pubblica come un monolite ingessato e immobile, interessato esclusivamente alla propria sopravvivenza. Assistendo alla presentazione si capisce che è vero l’esatto contrario: moltissimi Enti, grandi o piccoli che siano, si stanno dando da fare per restare al passo con i tempi e fornire ai cittadini/utenti servizi interattivi e multimediali. Abbiamo stretto contatti con alcune amministrazioni che hanno presentato progetti interessanti e proveremo ad adottarli anche a Priverno”.


Il bicchiere, dunque, può essere anche visto mezzo pieno. “Concorsi di questo tipo sono molto utili per capire quale sia lo stato dell’arte dell’informatizzazione dei servizi pubblici e quale la direzione intrapresa dai maggiori attori del settore. Inoltre, sono da pungolo per migliorarsi anno dopo anno, sia che si vinca, sia che si perda. Nel primo caso si farà del tutto per ripetersi; nel secondo caso per riuscire a portare a casa il premio. Ed è esattamente quello che faremo: utilizzeremo i prossimi dodici mesi per correggere gli errori commessi in questa occasione e provare a vincere il premio il prossimo anno sviluppando servizi interattivi che migliorino sensibilmente la vita dei cittadini e facilitino i loro rapporti con l’Ente”.