Sermoneta aderisce al Patto dei sindaci: per ridurre le emissioni di anidride carbonica

sermonetaAnche Sermoneta vuole dare il suo contributo alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica e dunque ha deciso di aderire al Patto dei Sindaci. Una iniziativa che impegna il Comune a ridurre le emissioni di CO2 del 20% entro il 2020.

Il 29 gennaio 2008 in occasione della Settimana Europea dell’Energia Sostenibile, la Commissione Europea ha lanciato il “Patto dei Sindaci – Covenant of Mayors” con lo scopo di coinvolgere le Amministrazioni e le Comunità locali per raggiungere gli obiettivi sopra citati. Il Patto dei Sindaci prevede che le Amministrazioni comunali europee si dotino attraverso di un Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) che individui e programmi nel dettaglio le azioni specifiche volte alla riduzione dei consumi e delle emissioni climalteranti. Attraverso l’adesione al Patto dei Sindaci e la predisposizione del PAES, l’Amministrazione comunale si impegna formalmente a ridurre almeno del 20% le emissioni climalteranti derivate dai consumi energetici relativi al proprio territorio di competenza. Il PAES comunale dovrà essere predisposto e approvato dalle Amministrazioni comunali entro 12 mesi dalla deliberazione di adesione al Patto dei Sindaci. Il PAES conterrà l’Inventario Base delle Emissioni (IBE), relativo ad uno specifico anno di riferimento. Su questo IBE saranno individuati e calcolati gli obiettivi di riduzione. Il PAES comunale dovrà essere monitorato e aggiornato con una cadenza non superiore a due anni predisponendo specifici Rapporti di attuazione. Una “svolta” che Sermoneta ha già avviato grazie ad Agenda21 che ha permesso di redigere il piano energetico comunale.


“L’impegno, assunto a livello europeo attraverso l’adesione al Patto dei Sindaci, potrà essere raggiunto solo se sarà condiviso da tutti – spiega il Sindaco Claudio Damiano – ed i governi locali, quali amministrazioni più vicine ai cittadini, possono e devono a tal fine coordinare le azioni e realizzare esempi concreti in tale ambito”.

Per questo il consiglio comunale, condividendo ed approvando la proposta, formulata dalla Commissione Europea, del “Patto dei Sindaci – Covenant of Mayors”, finalizzata al coinvolgimento delle comunità locali alla realizzazione di iniziative per ridurre nella città le emissioni di CO2 attraverso l’attuazione di un Piano comunale d’Azione per l’Energia Sostenibile, ha dato mandato al Sindaco di firmare il Patto dei Sindaci e l’avvenuta adesione sarà immediatamente comunicata alla Commissione Europea. Entro un anno dall’adesione formale al Patto dei Sindaci, sarà adottato il Piano d’azione per l’energia sostenibile.