Expo del vino, Gaeta vola in Cina con la casa vinicola Ciccariello

Paolo Ciccariello, responsabile commerciale CAVICI SRL, presenta il vino Saracino
Paolo Ciccariello, responsabile commerciale CAVICI SRL, presenta il vino Saracino

La Casa Vinicola Ciccariello è presente, insieme a 49 produttori di vino italiani, alla seconda edizione di “China (Guizhou) International Alcoholic Beverages Expo 2014”.

Oltre 600 produttori provenienti da 43 paesi presentano i loro vini e distillati al mercato cinese durante la manifestazione che si svolge dal 9 al 13 settembre.


Paolo Ciccariello si fa portavoce del nostro territorio grazie al rosso Saracino, realizzato con l’uva Sanginella nera di Gaeta.

L’ Obiettivo della fiera è contribuire all’espansione del mercato cinese nel settore del vino attraverso la diretta conoscenze dei migliori produttori internazionali per far sì che entro il 2015 la Cina diventi il 5° paese consumatore di vino. Italia e Francia sono già dagli ultimi anni i primi esportatori di vino nel territorio cinese. Sono sempre di più i cinesi che scelgono il vino non solo per banchetti e cerimonie, ma soprattutto per le loro tavole. Alla base, la consapevolezza delle proprietà benefiche del vino rosso, ottimo antiossidante e rimedio per prevenire malattie cardiovascolari.

La Casa vinicola Ciccariello, grazie alla sua tradizione, capacità imprenditoriale e di innovazione, produce un ampio catalogo di vini. La collaborazione con rivenditori internazionali consente al marchio CAVICI la presenza in numerosi paesi, quali il Regno Unito, la Germania, la Svizzera, Gli Stati uniti (New York, Boston, Chicago), L’Africa del sud, Cina.

Tra i vini aziendali di alta gamma e che permettono al consumatore di degustare e conoscere la tradizione e il territorio gaetano, ricordiamo il Priezze, il bianco frizzante simbolo della storia aziendale e il Vino Saracino.

Gli elementi essenziali che oggi consentono ad una azienda l’efficacia e diffusione di un prodotto sono lo sviluppo e la conoscenza di un territorio attraverso quel prodotto.

Il rosso Saracino riesce in questo intento proprio per la rievocazione storica della presenza dei saraceni nelle nostre contrade che contribuirono allo sviluppo di viti Sanginella nera.

Il Saracino è considerato un vino di grande pregio proprio per la peculiarità dell’uvaggio, che consente la produzione di 2000 bottiglie l’anno e per la sua storia e sapore legati a Gaeta e al mare.