II Vespa raid “Tirreno-Adriatico” del club di Fondi

vespaSi è concluso domenica 7 settembre il II Vespa raid “Tirreno-Adriatico” organizzato dal VespaClub Fondi in collaborazione con lo Scooter Club OMD – Ogni Maledetta Domenica  – ed è stata grandissima la soddisfazione di tutti i partecipanti per le 2 giornate trascorse in sella alle proprie vespe tra passi, tornanti e panorami mozzafiato. I vespisti sono partiti da Fondi sabato mattina 6 settembre con destinazione Campo Imperatore (AQ), sulla cima del Gran Sasso a 2134 mt di quota, percorrendo oltre 250 km sulle strade dell’Appennino tutti di un fiato.

Questo evento è nato quasi per scherzo durante una cena tra amici vogliosi di proporre qualcosa di diverso, un evento dove l’unica protagonista era la vespa miscelata ad una massiccia dose di passione e voglia di stare insieme in allegria ed amicizia. Da questi presupposti nel 2013 un gruppo di 8 equipaggi ha provato la fattibilità dell’evento, provato itinerari, posti ristoro e quest’anno, ancora in veste non ufficiale, il Vespa Raid era in strada. La risposta di partecipanti è stata eccezionale ed oltre ogni apettativa degli organizzatori, infatti ben 20 equipaggi si sono presentati ai blocchi di partenza per raggiungere la vetta, tra cui 5 vespe del VespaClub Barletta.


vespa1La due giorni in vespa è proseguita nel migliore dei modi, senza imprevisti e, nonostante le previsioni meteo sfavorevoli alla vigilia, senza incontrare pioggia e freddo. Al termine dell’evento tutti i Raiders si sono stretti in un abbraccio consapevoli di aver vissuto una bellissima esperienza di vespismo e di aver scritto una memorabile pagina nel proprio almanacco dei ricordi e tutti si sono dati appuntamento al 2015 per la prossima edizione del Raid.

Gli organizzatori si sono detti soddisfatti del fatto che tutti i partecipanti abbiano gradito la formula scelta per questo tipo di evento e proprio per questo inizieranno già da ora a pianificare e lavorare sodo per avere pronta l’edizione 2015 della “TIRRENO – ADRIATICO” sperando che nei prossimi anni possa crescere ancora e diventare una classica dei raduni nel panorama vespistico nazionale.