Gare di offshore a Terracina, i grillini presentano un’interrogazione al presidente Zingaretti

nemoProca1Il Mare Nostrum soffre e Lei lo sa Sig. Sindaco del Comune di Terracina.

Soffre della distruzione che ogni giorno, a turno, i violentatori della costa, con i loro mezzi meccanici, e gli “untori” delle acque interne, arrecano stuprando e saccheggiando il bene comune, anzi Comunitario.


Infatti parliamo del SIC, ovvero del Sito di Interesse Comunitario n. IT6000013 inserito nel progetto Rete  Natura 2000 che va da Capo Circeo a Terracina.

Il SIC ed i progetti che lo riguardano hanno come finalità la protezione e ricostruzione dell’habitat naturale ed in particolare la salvaguardia della Posidonia Oceanica, specie vegetale, di fondamentale importanza per il ripopolamento ittico nonché barriera naturale alle correnti marine e moti ondosi con conseguente riduzione dell’erosione costiera.

Sappiamo bene Sig. Sindaco che Lei tiene molto alla tutela del territorio, tanto è vero che aderisce a diverse manifestazioni riguardanti la tutela dell’ambiente ed alle iniziative di “Agenda 21” proprio perché vuole a tutti i costi conquistare l’agognata “Bandiera Blu”.

Sappiamo bene che Lei non organizzerebbe o meglio non autorizzerebbe mai eventi che possano comunque incidere negativamente sull’ambiente, in particolare su quel tratto di mare interessato da tutela ambientale dalla normativa europea, nazionale e regionale.

Lei, giustamente, cerca di utilizzare fondi pubblici, quindi le tasse dei cittadini, come quelli del progetto “Mare Nostrum” per proteggere e migliorare l’ecosistema e non commetterebbe mai l’errore di togliere altri soldi dalle casse comunali per promuovere iniziative, come le gare di Offshore, che minano l’ecosistema.

In pratica non farebbe mai come quel cittadino che, mentre, con tempo e fatiche, tenta di realizzare un orto per la famiglia, apre il cancello alle capre del vicino solo perché questi lo ha chiesto.

Sappiamo che Lei è d’accordo con noi nel favorire gli sport acquatici cosiddetti ecocompatibili: nuoto, canoa, canottaggio, vela, ecc…

Sappiamo che queste gare di offshore Lei francamente non le vuole, anche perché questo grande ritorno economico per la città, lo scorso anno, al netto di tutti i numeri che sono stati sparati a papocchio dalla stampa, non c’è stato.

Ecco, noi, come Meetup Terracina 5 Stelle, vorremmo aiutarLa!

AiutarLa a liberarsi di questo enorme peso morale, di questo macigno che Le impedisce di urlare contro i “signori del nulla”: “IL MARE DI TERRACINA NON E’ IL VOSTRO GIOCATTOLO!”.

Ecco, l’aiutiamo noi!

Anzi lo abbiamo già fatto: il 5 settembre i nostri portavoce regionali Gaia Pernarella, Valentina Corrado e Devid Porrello hanno presentato un’interrogazione al presidente Zingaretti ed all’assessore all’ambiente Refrigeri della Regione Lazio, per chiedere se siano a conoscenza della manifestazione e della regolarità dell’iter autorizzativo (valutazione di incidenza, ecc…) e come intendono intervenire vista la loro diretta responsabilità sul patrimonio della Comunità Europea come lo sono i SIC.

L’aiuto gliel’abbiamo dato, non si faccia fregare!!! La bandiera blu sarà sua.

***ARTICOLO CORRELATO***(Offshore nocivo per l’ecosistema marino, il Wwf di Terracina chiede al sindaco di annullare l’evento-28 agosto)