Ponza, 60 sacchi di rifiuti ammucchiati al Frontone: il sindaco ordina lo sgombero

Ponza, 60 sacchi di rifiuti ammucchiati al Frontone: il sindaco ordina lo sgombero
*La spiaggia del Frontone*

*La spiaggia del Frontone*

Immondezzaio a due passi da Frontone, la spiaggia più frequentata di Ponza. Individuati dai vigili urbani i responsabili della creazione di una discarica abusiva a ridosso dell’arenile, il sindaco Piero Vigorelli ha dato loro l’ultimatum: entro 48 ore va bonificato tutto e i rifiuti devono essere rimossi di notte, per non disturbare i bagnanti.

Nel terreno occupato dallo Sporting Club, attività bloccata dal primo cittadino, sono stati ammucchiati 60 sacchi di plastica pieni di rifiuti classificati come non pericolosi e rifiuti urbani.

I vigili urbani hanno scoperto che a lasciare lì quella sporcizia era stato Enrico Lucarelli, della Tequila Cafè Frontone, che svolge commercio alimentare ambulante, con il permesso del titolare dello Sporting, Mauro Turco.

*Piero Vigorelli*

*Piero Vigorelli*

Presi i due a verbale, i vigili hanno fatto una relazione e Vigorelli ha ordinato a Lucarelli e Turco di eliminare quella discarica entro 48 ore. In caso contrario provvederà il Comune, addebitando poi ai due le spese. Per il sindaco quanto accaduto rappresenta “insalubrità e nocumento per la salute pubblica, essendo i rifiuti un prelibato richiamo per ratti e insetti vari”.

One Response to "Ponza, 60 sacchi di rifiuti ammucchiati al Frontone: il sindaco ordina lo sgombero"

  1. Leonardo Pietroniro  21/08/2014 at 13:06

    Bravo Sindaco!!! Continua a pubblicizzare le sue gesta, non basta aver chiuso una
    struttura di elevata valenza turistica sia per il Comune di Ponza che d’Europa, ma continua a perseguitare i gestori di quell’area. Senza vedere che di fianco allo “Sporting Frontone” esiste da anni il vero ECOMOSTRO, ma nè lui e né i vigili che sono stati molto attenti a pochi sacchi depositati su un terreno non si sono accorti che in quella struttura completamente abusiva ci sono depositate macerie e immondizie mettendo veramente in serio pericolo la salute pubblica per gli avventori della spiaggia, e che anche il Comune stesso davanti all’ECOMOSTRO abusivamente ha piazzato dei bagni chimici con casetta d’acqua, senza parlare poi degli scavi per passare il cavo della corrente elettrica senza un minimo di sicurezza previsto dalla legge 46/90

You must be logged in to post a comment Login

h24Social