Eredità contesa a Monte San Biagio, tornano in libertà con l’obbligo di firma i due condannati

Eredità contesa a Monte San Biagio, tornano in libertà con l’obbligo di firma i due condannati
*Tribunale di Latina*

*Tribunale di Latina*

A stretto giro di posta rispetto alla sentenza del Tribunale di Latina che li aveva condannati a tre anni ciascuno da scontare ai domiciliari per il ferimento di un parente per questioni di eredità, il 63enne Biagio Rizzi ed il 29enne Giuseppe Rizzi, padre e figlio di Monte San Biagio, si sono visti ridimensionare le misure restrittive.

Inizialmente accusati di tentato omicidio, reato poi derubricato in lesioni gravi, per mezzo degli avvocati Angelo Palmieri e Sinuhe Luccone i Rizzi, entrambi pastori, hanno chiesto ed ottenuto dal Tribunale la possibilità di tornare a piede libero, col solo obbligo di firma tre volte a settimana.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Eredità contesa a Monte San Biagio, due condanne per una lite sfociata in un accoltellamento – 1 luglio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Tentato omicidio a Monte San Biagio, ascoltati in aula gli agenti che seguirono le indagini – 8 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Accoltellano familiare e si danno alla fuga. Padre e figlio arrestati per tentato omicidio – 15 aprile 2013 -)

 

You must be logged in to post a comment Login

h24Social