Formia, nuovo stadio infinito. Servono altri 2 milioni di euro, il Comune li chiede alla Regione

"Il cartello dei lavori allo stadio, che in ultimo aggiornamento riporta la fine lavori a gennaio 2013"
“Il cartello dei lavori allo stadio, che in ultimo aggiornamento riporta la fine lavori a gennaio 2013”

Oramai ha assunto i contorni di una leggenda il nuovo stadio del Formia. Servono altri 2 milioni di euro. A pronunciare l’ultima parola in ordine di tempo, relativamente agli oramai biblici tempi di consegna del nuovo stadio di calcio comunale a Maranola, era stato il direttore del Coni di Formia, nonchè delegato allo sport dell’amministrazione comunale, Nicola Perrone. E proprio secondo Perrone la consegna doveva avvenire prima della fine dell’anno passato. Ma lui è solo l’ultimo in ordine di tempo, perchè già molte parole sono state spese anche dagli amministratori della passata giunta targata Michele Forte relativamente alla promesse di consegna puntualmente disattese.

Alla fine dei conti, che sono tutt’altro che finiti, il destino dello stadio sembra a questo punto legato a doppio filo a quello della società calciastica locale che, nonostante una storia ultracentenaria, all’esito della stagione agonistica conclusa è retrocessa in Promozione. Un disastro.


"Il manto erboso"
“Il manto erboso”

E come se non bastasse ora arrivano altri problemi relativamente allo stadio che, come detto, doveva essere concluso, e in effetti in gran parte lo è, con tanto di manto erboso sintetico misto a erba vera, dello stesso tipo dell’avveniristico stadio Juventus Stadium. Insomma un gioiellino, al quale però hanno dimenticato di costruire la copertura per la tribuna. Anche se più che dimenticata, la copertura della tribuna non è stata realizzata perchè sono finiti i soldi.

Infatti nell’accordo ormai risalente a ben otto anni fa tra il Comune di Formia e il Coni, era prevista una permuta, ovvero, il Comune si impegnava a cedere l’area dello stadio Nicola Perrone, che per uno strano caso del destino è lo stesso nome del direttore del Coni, proprio al centro olimpico nazionale Bruno Zauli, e in cambio il Coni avrebbe realizzato il nuovo stadio con una spesa di pari importo al valore stimato dello stadio Perrone. Circa 2 milioni e 100mila euro.

"La tribuna dello stadio, senza copertura"
“La tribuna dello stadio, senza copertura”

I soldi li hanno spesi tutti: una mega tribuna che può ospitare circa 4mila persone, e forse non era il caso visto le poche centinaia di persone che vanno allo stadio la domenica, sale muscolazioni per gli atleti, peraltro ancora incomplete, il manto di ultima generazione come detto, non sono state realizzate le curve, e la viabilità esterna è incompleta. Insomma un’opera incompiuta che, per essere ultimata, altrimenti le partite invernali, esposti alle intemperie del freddo, del vento e della pioggia, non le va a vedere nessuno, richiede una spesa di due milioni di euro. Soldi che il Comune ha chiesto alla Regione.