Nuove speranze per una sede dei Vigili del Fuoco di Terracina ma è polemica tra le sigle sindacali

*Da sinistra Cesareo Augelli, Nicola Procaccini e Sandro Giuliani*
*Da sinistra Cesareo Augelli, Nicola Procaccini e Sandro Giuliani*

Dal 2012 i Vigili del Fuoco di Terracina non hanno più una caserma e sono temporaneamente appoggiati in una struttura (che risponde ai requisiti di sicurezza richiesti) messa a disposizione dal Comune in via Mantegna (ex spogliatoio di calcio) in attesa di una soluzione definitiva.

“Gli sforzi finora condotti – spiegano i segretari provinciali, Cesare Augello, e regionali, Sandro Giuliani, della Confsal Vigili del Fuoco – hanno permesso anche se in una situazione di disagio, di mantenere  il presidio permanente nella città di Terracina, a beneficio di tutta la collettività. Nei giorni scorsi, finalmente è arrivato l’accordo tra il Comune di Terracina e i vertici del ministero dell’interno, per la realizzazione della nuova sede per i Vigili del Fuoco, i quali dopo aver scartato l’ipotesi della vendita della vecchia caserma ex Bertani, hanno concordato nel prolungamento del comodato d’uso gratuito già in essere e l’autorizzazione alla demolizione e costruzione con spese a carico dei vigili del fuoco, della nuova sede con i requisiti antisismici previsti dalla normativa vigente. Nel Consiglio Comunale del 03 luglio come ci ha personalmente assicurato il sindaco di Terracina – sottolineano Giuliani e Augello – sarà definitivamente approvato il prolungamento del comodato d’uso e l’amministrazione centrale non avrà più alcun alibi per ritardare ancora l’inizio dei lavori.


Ovviamente – proseguono Augelli e Giuliani – la Confsal Vigili del Fuoco non allenterà il pressing politico / istituzionale messo in campo da due anni, e nei prossimi giorni ci saranno ancora incontri con tra la segreteria confsal e i vertici istituzionali per definire i tempi della realizzazione della sede. Speriamo solo che le azioni isolate e bizzarre di alcuni, in questi giorni, non rallentino o addirittura compromettano quanto con sacrificio finora costruito dalla confsal Vigili del Fuoco che ha come obbiettivo la sicurezza dei cittadini. Infatti – conclude Sandro Giuliani – ci sono spinte a livello regionale, appoggiate da alcune sigle sindacali, che prevedono l’apertura di sedi  con personale volontario discontinuo. Cosi come ci siamo opposti nelle sedi istituzionali, ci opporremmo con forza a quanti vogliono l’abbassamento degli standard di sicurezza”.