Calcio a 5, via agli stage dell’Under 21 della Rapidoo Latina: parla il tecnico Terenzi

imageLa Rapidoo Latina Calcio a 5 non è soltanto prima squadra, ma anche e soprattutto settore giovanile, a partire dalla formazione Under 21 guidata con passione da Andrea Terenzi. Una squadra che, vista come si è conclusa la passata stagione, riparte con basi molto solide. Un settimo posto nella stagione regolare, la qualificazione ai play off, un primo turno superato in questa fase a spese del Futbool Clu, che era arrivata quarta nella stagione regolare, con 16 punti in più della squadra nerazzurra e la successiva eliminazione ai 32esimi della finale scudetto contro il Roma Torrino, sconfitta poi ai quarti di finale contro i futuri campioni della Lazio. Abbiamo chiesto al tecnico Terenzi, di fare un bilancio di questa prima stagione da allenatore della squadra Under 21.

“Emozione, dedizione e allegria. Ecco cosa ci ha accompagnato per tutto l’arco della stagione – ha tenuto a precisare Terenzi – Emozione iniziale, mia e di tutti i ragazzi, che per la prima volta prendevano parte ad un campionato così importante, loro come giocatori e io, ovviamente, da allenatore. Dedizione per l’impegno profuso durante tutto l’anno e il sacrificio fatto da tutti. Allegria per il rapporto instauratosi con i ragazzi anche fuori dal campo”.


Proviamo a raccontare l’episodio più bello?

image“Senza ombra di dubbio – ha continuato l’allenatore dell’Under 21 – il passaggio del turno ai playoff con la vittoria sul Futbolclub. Anche se per me, l’episodio più bello, è stata la partita d’esordio. Siamo andati a vincere 1-5 in casa de L’Acquedotto, squadra campione in carica del nostro girone. Mi ricordo tutti i ragazzi al settimo cielo e la telefonata col presidente La Starza un po’ incredulo che faceva i complimenti a tutti quanti. Come prima partita per molti, battere i campioni dell’anno prima,  fuori casa, direi che non è stato poi così male”.

E cosa terrebbe Terenzi e cosa, invece, cambierebbe di questo primo campionato?

“Terrei quasi tutto, le vittorie e le sconfitte soprattutto, alcune ci hanno aiutato a crescere e tanto. Cambierei solo la posizione finale, abbiamo perso alcuni punti per strada che ci avrebbero fatto salire di qualche posizione. Ma sicuramente anche un po’ l’inesperienza ha fatto si che perdessimo questi punti. L’ anno prossimo faremo meglio in regular season, ne sono convinto”.

Facile dire, ora, cosa si aspetta dalla prossima stagione.

“Il nostro girone è tra i più competitivi in tutta Italia, ci sono squadre come la Lazio campione d’Italia quest’anno e il Torrino che hanno fatto la storia di questo sport. Sarà difficile, ma io vorrei lottare per entrare tra le prime quattro. Il processo di maturazione fatto quest’anno ci aiuterà a giocarcela con tutti”.

Sono in previsione degli stage per i nati dal 1993 in poi?

“Esattamente, stiamo organizzando degli stage per vedere qualche nuovo giocatore interessante e soprattutto per preparare un cambio generazionale che tra qualche anno sarà necessario. Perciò invito, soprattutto i più giovani, a provare il calcio a 5 e a farlo con noi, in questi ultimi anni dal Latina Calcio a 5 molti hanno raggiunto la nazionale Under 21 e hanno giocato e vinto in prima squadra giocando in un palazzetto pieno davanti a tutta la città di Latina. Penso che che si stia lavorando bene sotto questo punto di vista”.